DE | IT

preview 2019

La 32esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen (10–15 aprile 2018) ha visto la proiezione di  65 film, circa 5.500 presenze, un ricco programma di contorno e offerte formative per studenti,  musicisti, giovani filmmakers: questo a testimoniare che il ruolo del festival non è solo mostrare,  ma anche creare cinema. La risonanza mediatica, grazie anche ai numerosi ospiti internazionali che hanno preso parte al festival, è stata grande. Per la prossima edizione del festival, che si svolgerà  dal 9 al 14 aprile 2019, abbiamo in mente di continuare a proporre un festival giovane, multiculturale  e formativo, con tanti ospiti internazionali.

IL FESTIVAL PREMIA LUNGOMETRAGGI E DOCUMENTARI 

premio al miglior film

premio al miglior documentario

premio del pubblico al miglior film o documentario

premio della giuria studenti Euregio

premio d’onore alla carriera

FINAL TOUCH #4  l’offerta formativa per giovani filmmakers

FOCUS EUROPA un paese europeo ospite

LOCAL ARTISTS la finestra sui cineasti altoatesini

MADE IN SÜDTIROL la finestra sul cinema girato in Alto Adige

CAMPUS. INDUSTRY MEETS FESTIVAL Workshop & Speed Dating

Noi promoviamo talenti!

„Film gets ahead with Music“ è il nome del nuovo progetto di quest’anno: giovani musicisti  sono stati accompagnati da professionisti del mondo della musica (come il professore e compositore svedese Johan Ramström) in un percorso formativo finalizzato ad insegnare loro come comporre la musica per i film. Organizzato insieme al Conservatorio Claudio Monteverdi di Bolzano e IDM Südtirol Alto Adige, il progetto ha portato in sala cinque cortometraggi musicati dai ragazzi. Il 2019 sarà dedicato alla spazializzazione nel sound design. Anche la prossima edizione del festival avrà una giuria studenti EUREGIO. Scopo di questo progetto è nuovamente avvicinare i ragazzi al mondo del cinema nell’intensa atmosfera del festival. Anche nel 2019 si ripete FINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS, l’offerta formativa per giovani filmmakers che, in collaborazione con IDM Südtirol Alto Adige, sostiene la messa a punto finale dei loro lavori.

Focus Europa

Focus Europa: un Paese europeo ospite del festival si conferma anche per il 2019: il prossimo anno sarà quello dell’Ungheria, di cui verrà mostrato il meglio della produzione cinematografica. La finestra comprenderà la proiezione di vari lavori di registi ungheresi, che verranno  in Alto Adige e con cui verrà organizzato un dialogo con
il pubblico. Il cinema dell’Ungheria, uno dei più floridi
d’Europa tra la fine della Prima guerra mondiale e la fine della Seconda – e oggi nuova meta per le produzioni cinematografiche – si è sempre distinto per opere di rilievo: nel 2016 “Il figlio di Saul” di László Nemes ha vinto l’Oscar come miglior film straniero, mentre nel 2017, “Corpo e Anima”, scritto e diretto da Ildikó Enyedi, ha vinto la Berlinale.

_DSC1655

_DPI1577

_DPI9993

_DSC0052