DE | IT

30.06.2018

Bolzano Filmfestival ospite del Filmfest di Monaco di Baviera

La direttrice del Bolzano Film Festival Bozen Helene Christanell ed il suo team, hanno dato il benvenuto – nell’ambito della 36esima edizione del Filmfest di Monaco di Baviera – a più di 100 ospiti internazionali (attori, registi, giornalisti e filmmakers), che hanno partecipato all’ormai tradizionale incontro che Bolzano Film Festival Bozen organizza ogni anno durante il prestigioso festival del cinema tedesco.

All’evento hanno preso parte, oltre alla direttrice del festival di Monaco, Diana Iljine – che ha definito il piccolo rinfresco di Bolzano Film Festival Bozen: “uno dei più simpatici qui al Filmfest di Monaco” – , anche vari membri e direttori di festival partner di Bolzano Film Festival Bozen, quali ad esempio Markus Aicher (Musikfilmtage Oberaudorf), Mike Wiedemann (Kinofest Lünen), Michael Orth e Birgit Horn (Kurzfilmfestival Landshut) e i sudtirolesi Philipp J. Pamer, Verena Buratti, Krista Posch, Martin Thaler, Anton Algrang e Katja Lechthaler.

L’incontro, organizzato dal Bolzano Film Festival Bozen già da più di dieci anni è stato nuovamente un successo ed una preziosa occasione di scambio di informazioni tra filmmakers internazionali ed addetti ai festival del cinema provenienti da tutta Europa.

Nella stessa giornata, il team del Bolzano Film Festival Bozen ha poi preso parte, presso il Museo delle Alpi e della montagna della città bavarese, ad un incontro che ha coinvolto rappresentanti di 25 festival bavaresi, stabilendo importanti nuovi contatti per future collaborazioni con Bolzano.

La prossima edizione del festival si svolgerà dal 9 al 15 aprile 2019.

****************************************************************************************************************************

15.04.2018

I vincitori della 32esima edizione di BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN 2018

Premio Provincia autonoma di Bolzano al miglior lungometraggio
La giuria internazionale composta da Renate Wurm, Sarah Franzosini e Carlos Gerstenhauer ha deciso di premiare:
A CIAMBRA di Jonas Carpignano come miglior film

Di seguito le motivazioni della giuria:

Il premio per il miglior film va a A CIAMBRA di Sandra Wollner.

“A Ciambra” è una straordinaria esperienza di romanzo di formazione, una storia di innocenza perduta costruita su una sottile linea rossa fra il cinema di finzione e il documentario. Il ritratto di un universo umano emarginato, autentico e scalcagnato in cui giganteggia il piccolo 14enne, anti-eroe inquieto Pio. Il regista Jonas Carpignano supera gli steccati della retorica sollevando quegli interrogativi morali che – specie in questa fase storica – tendiamo colpevolmente a trascurare. Con rispetto e dignità i realizzatori del film raffigurano il mondo degli ultimi a Gioia Tauro, mettendoci a parte delle loro speranze, paure e dei loro sogni.

Premio Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano al miglior documentario
La giuria internazionale composta da Daniela Cecchin, Nela Märki e Klaus Schaefer ha deciso di premiare WILDES HERZ del regista Charly Hübner come miglior documentario.

Di seguito le motivazioni della giuria:

Lo spunto per il documentario “Wildes Herz“ di Charly Hübner e Sebastian Schultz è costituito dal modo di vivere e dal disorientamento che provano gli abitanti del Meclenburgo-Pomerania (regione della Germania nord-orientale) che devono spesso combattere con la sensazione che provano della loro marginalità e con razzismo e xenofobia imperanti. Gli autori seguono con notevole empatia il cantante del gruppo „FEINE SAHNE FISCHFILET“ nella sua evoluzione da bambino iperattivo a hooligan radicale ad antifascista militante ed infine ad attivista contro neonazisti e razzisti. Il montaggio particolarmente riuscito ci porta nell’intimo della vita e del pensiero del protagonista. A questi nel film viene contrapposta la vita interiore dei suoi genitori, che hanno naturalmente sofferto per un figlio così ribelle, che però allo stesso tempo non hanno mai rinunciato ad amarlo profondamente. Ne è risultato un film che grazie a riprese efficaci e a un coerente approccio drammaturgico di base colpisce e commuove lo spettatore. Il realismo che contraddistingue il film non ci toglie in ogni caso la speranza che le tendenze razziste possano essere a lungo termine superate grazie a un impegno civile determinato e coraggioso.

 

Premio del pubblico Città di Bolzano

Il pubblico in sala ha votato per: “Mario” di Mario Gisler

 

Premio giuria studenti Euregio (Tirolo, Alto Adige e Trentino)
Il film vincitore assegnato dalla giuria studenti, composta da:

Irene Fellin, Rocco Ruperti e Giorgio Torta (Trentino), Tobias Gruber, Julia Weiss e Thomas Tschenett (Alto Adige), con i due tutor esperti Arnold Schnötzinger e Werther Ceccon è:

“Es war einmal Indianerland“ di Ilker Catak

Di seguito le motivazioni della giuria:

Come giuria degli studenti, abbiamo deciso di premiare il film che ha avuto il coraggio di osare in ogni suo aspetto: nel ritmo, nel montaggio, nella messinscena e nei personaggi. Seppur a volte esagerando il regista è riuscito a far emergere la propria visione e a trattare problemi molto reali e vicini a noi giovani in modo totalmente originale e, in un certo senso, spiazzante. Ci ha colpito, in particolare, l´inserimento di episodi comici, grotteschi e perfino surreali in un contesto tragico, che non stonavano mai con la narrazione e con il tono del film. In breve, per il suo spirito libero, giocoso, quasi anarchico, noi vogliamo premiare… ‘’Es war einmal Indianerland’’.

Il film premiato rientrerà poi nel futuro programma scolastico KINO & SCHULE e sarà presentato in varie scuole di Bolzano, Innsbruck e Trento in presenza del/della regista, con la moderazione in sala fatta dei ragazzi stessi.

FINAL TOUCH #3. Intense feedback from experts

des Branchenprogramms FINAL TOUCH erkannten folgenden Projekten die Preise zu:

Der FINAL TOUCH ARRI media pots-production prize geht an das Filmprojekt: TO THE NIGHT di Peter Brunner

Der TRUE COLORS International Distribution Prize geht an das Filmprojekt: DIE LETZTEN ÖSTERREICHER VON KÖNIGSFELD di Lukas Pitscheider

I film vincitori verranno proiettati domenica 15 aprile 2018 con i seguenti orari:

 

ore 15.30 Uhr, Capitol 2
Premio del pubblico Città di Bolzano
MARIO von Marcel Gisler

ore 18.30 Uhr, Filmclub Club 3
Premio giuria studenti Euregio
ES WAR EINMAL INDIANERLAND von/di Ilker Catak

ore 20.00 Uhr, Capitol 1
Premio Provincia di Bolzano
A CIAMBRA von/di Jonas Carpignano

ore 20.45 Uhr, Filmclub Club 3
Premio Fondazione Cassa di Risparmio
WILDES HERZ von/di Charly Hübner

…e ancora la prossima settimana lunedì martedì, mercoledì (Capitol 1, Capitol 2, Club 3): www.filmclub.it

09.04.2018

Domani inaugura  il 32esimo Bolzano Film Festival, con il film “Tiere” e in sala Birgit Minichmayr, Philipp Hochmair e Greg Zglinski

 

Presentato nella sezione dei film di fiction del 53° Solothurner Filmtage, “Tiere”(Animals) di Greg Zglinski – coproduzione tra Svizzera, Austria e Polonia-, è un mysthery thriller dalla narrazione complessa:  il continuo alternarsi di realtà parallele, con la labilità progressiva dei confini tra realtà e sogno, sanità e follia ricordano Shining e L’inquilino del terzo piano in un film che tiene sempre alto il livello della tensione e dell’inquietudine.

Birgit Minichmayr  è un’attrice teatrale, cinematografica e cantante austriaca, vincitrice dell’Orso d’argento per la migliore attrice nel 2009 per l’intenso “Alle Anderen” di Maren Ade.

Nel mondo del cinema è finora stata interprete di diversi interessanti lavori, tra i quali possiamo citare oltre ai precedenti, la partecipazione nel film “3 Tage in Quiberon” (2018) di Emily Atef dove ha interpretato la parte di Hilde Fritsch, la migliore amica di Romy Schneider.

Nel 2009 ha lavorato con Wolfgang Murnberger per la realizzazione del film “The Bone Man” dove ha interpretato la parte di Birgit. Notevole anche il suo ruolo ne “Il nastro bianco” di Michael Haneke. Ancora, nel 2005, in “Il Profumo – Storia di un assassino” di Tom Tykwers,  ha ben interpretato la madre del protagonista. Impegnata da anni in diversi teatri tra cui il Wiener Burgtheater, il Münchner Residenztheater, il Volkstheater di Berlino e la Schauspielhaus di Amburgo, l’attrice austriaca  ha ricevuto vari riconoscimenti e risulta essere anche molto amata dal pubblico (Premio austriaco Romy).

A Bolzano Birgit Minichmayr sarà presente con due film: oltre a “Tiere”, che inaugura il festival (e per il quale saranno in sala anche il regista Greg Zglinski e il protagonista maschile Philipp Hochmair), sarà proiettato anche “Alle andreren”.

Durante la sua presenza a Bolzano, Birgit Minichmayr sarà anche insignita del Premio speciale alla carriera del festival, da parte di un/a rappresentante dell’Azienda di Soggiorno e turismo della città di Bolzano (mercoledì 11 aprile, in occasione della proiezione del film “ Alle Anderen”).

Inoltre, sempre mercoledì, alle ore 11.30 presso Museion, l’attrice sarà ospite di un dialogo con il publico,  moderato dal giornalista Heinrich Schwazer.  Pubblico e stampa sono invitati a partecipare.

Per la stampa sono possibili interviste a Birgit Minichmayr esclusivamente nell’ambito del dialogo con il pubblico, mentre per quanto concerne Philipp Hochmair e Greg Zglinsky, è possibile un appuntamento domani sera, dalle ore 18.30, prima dell‘inaugurazione del festival.

 

Il programma dettagliato del festival è consultabile online su: http://filmfestival.bz.it/it/programma-2018/calendario/

++++++++++++++++++++++++

28.03.2018

I cortometraggi, il  Cinema ritrovato, il programma per bambini e l’importanza dei sottotitoli

 “Corti in trasferta” al festival

 

“Poco importa se buffi, tragici o scurrili, tanto sono anche subito spariti”, così definisce i corti Michael Orth, direttore artistico del festival internazionale di corti di Landshut (Germania), curatore per BFFB   del programma di corti dell’edizione che arriva.

“Corti in trasferta” sono cento minuti di corti internazionali, presi tra gli highlights dell’edizione appena trascorsa (14 – 19 marzo 2018) del rinomato festival bavarese che negli anni si è distinto per la diffusione di questo interessante genere cinematografico. Tutti i sei cortometraggi, che provengono rispettivamente da Italia, Germania, Svizzera, Belgio e Austria,  vengono presentati in un programma di 100 minuti.

La sezione “Cinema ritrovato”: quest’anno un’analisi del cinema tedesco tra gli anni Settanta e Ottanta

Cinema ritrovato è la speciale finestra del festival, curata dal suo ideatore Martin Kaufmann,  che quest’anno si occupa del cinema tedesco tra gli anni Settanta e Ottanta e di registi come Klaus Lemke, Rudolf Thome, Roger Fritz e May Spils, visti attraverso gli occhi dei documentaristi Dominik Graf e Johannes F. Sievert.”

Il documentario  “Verfluchte Liebe deutscher Film“ è una ricerca condotta attraverso interviste e brani di film, attraverso cui i registi cercano di capire come mai il cinema di genere in Germania incontri oggi tante difficoltà. Cosa ne è della tradizione cinematografica tedesca che negli anni Settanta e Ottanta ha prodotto un genere che osava mostrare una Germania molto diversa, quella affacciatasull’abisso?

Il film per bambini/ragazzi a BFFB 20018

 

“Papa Moll”, coproduzione svizzero-tedesca per la regia di Manuel Flurin Hendry, è il film scelto per i più giovani alla prossima edizione del festival. La divertente commedia, che ha riscosso molto successo finora, racconta come in un fine settimana a casa da solo con i bambini, da Papa Moll divampa il caos. Perché, mentre Moll fa gli straordinari nella fabbrica di cioccolato, tra i suoi figli e quelli del suo capo imperversa una spietata lotta per zucchero filato, punizioni e il più famoso cane da circo del mondo…

Bolzano Film Festival Bozen investe nuovamente nei sottotitoli

 

Ricordiamo che quasi tutte le opere che vengono presentate nelle varie sezioni del festival sono in lingua originale sottotitolate o in inglese, o in tedesco o in lingua italiana.

Per le opere che sono pervenute prive di sottotitoli, ma che comunque sono state scelte come interessanti e quindi incluse nel programma, ha provveduto il festival, stanziando una parte del proprio budget, alla sottotitolazione.

Il programma dettagliato del festival è consultabile online su: http://filmfestival.bz.it/it/programma-2018/calendario/

22.03.2018

Local, but international artists a BFFB 2018

Sono molti, i filmmakers che fanno parte dell’odierna rassegna LOCAL ARTISTS della prossima edizione del festival, a dimostrare un legame con il Sudtirolo/Alto Adige, di arrivo o di partenza,  per i suoi protagonisti.

Lucio Rosa, artista poliedrico, veneziano d’origine, ormai naturalizzato bolzanino,grande viaggiatore ed, etnografo ha documentato con storie, film ed immagini – con oltre 150 produzioni! – i suoi viaggi avventurosi nel mondo, soprattutto in Africa. Importante testimone dei tempi, che raccontiamo attraverso il nostro festival, con quattro documentari.

“Kebra Negast – Gloria dei Re”, parte da un antico testo etiope e racconta diffusione del Cristianesimo  dalla valle del Nilo,  su cui si sono fondati stato, società e civiltà di quello che fu l‘unico regno Cristiano d‘Africa.

“Babinga, piccoli uomini della foresta”, narra dei pigmei Babinga, piccoli uomini della foresta equatoriale africana.

“Il segno sulla pietra” documenta la storia millenaria del Sahara e racconta di un alternarsi di fasi climatiche estreme e di vicende di uomini che ebbero la ventura di scegliere quella terra come loro dimora.

Infine, “Mit den Augen eines mittelalterlichen Pilgers”, porta lo spettatore dentro l‘avventura delle crociate, da cui nacquero innumerevoli itinerari: una delle vie più frequentate percorreva la val Venosta, in Alto Adige, corridoio di transito per i pellegrini che venivano dal nord della Germania, diretti a Venezia, verso la Terra Santa.

Local artists, rassegna ormai di tradizione nel programma del festival, comprende una scelta tra le più attuali produzioni di filmmakers locali, a confermare il fatto che l’Alto Adige è una terra di talenti anche in campo cinematografico.

Come Karl Prossliner che, con “Mitten im Jubiläum”, al fesival racconta due artisti sudtirolesi: il poeta Hansjörg Waldner e il pittore Hubert Scheibe e il loro ritorno nella città di Merano.

Mentre Dietmar Gamper e Linda Röhl,con “Hinter die Spiagl”, una commedia di impostazione teatrale, parlano del fantastico sogno della studentessa Ljuba in  un mondo fatto di cartone dipinto che ispira il suo amico, nonché insegnante di musica, Engelbert.

Con Otto Licha e  “Corradini “, il regista parte dagli anni Cinquanta, quando erano ben 13 i negozi di stoffe che si facevano concorrenza nel centro storico di Bolzano e oggi ne è sopravvissuto uno soltanto: Corradini.

Il regista Hannes Lang, con “Plindern” , osserva invece e documenta la quotidianità dei nonni, una vecchia coppia di contadini.

Con “Storie di terre e d’acqua: Adige Etsch”, il regista Vittorio Curzel traccia un cammino lungo le rive del fiume Adige, dalla foce, nel parco del Delta del Po, alle sorgenti nei pressi del Passo Resia, attraversando territori, paesaggi, lingue e culture diverse.

Si sposta nel novembre del 1966, la partenza del racconto di Helmut Lechthaler e Sebastian Marseiler  che con “Tage der Verwüstung”, partono da quando  mezza Italia finì sott’acqua e l’Alto Adige venne colpito da piogge e distruzione.

Gli  autori Astrid Kofler e Helmut Lechthaler , in “Rita Pernter “, tracciano il ritratto della contadina centenaria Rita Perntner di Trodena (in Alto Adige) e del suo maso “Wastlköckhof”.

Con “Herbert Pixner – Welche Volksmusik meinen Sie?“ , Barbara Weber documenta la vita del musicista Herbert Pixner, un multitalento dall indole ribelle e molto determinata.

Autore più volte presente al festival, Philipp Pamer, con il documentario  “Timmelsjoch – Wenn Grenzen verbinden” quest’ann lo spettatore lungo la strada di Passo Rombo, che collega dal 1968 l’austriaca valle di Ötz con la Val Passiria, in Alto Adige, punto di partenza di un racconto sull’importanza delle vie di comunicazione nelle Alpi e il loro significato per gli abitanti di quei luoghi.

Tornando a Bolzano, Carlo Magaletti, con “Beato Arrigo da Bolzano – Il patrono dimenticato” , parte dal Duomo della città capoluogo, dove è custodita un’imponente teca di cristallo contenente delle reliquie del Beato Arrigo da Bolzano, personaggio del 1300, uno dei “santi” più documentati dell’epoca.

La rassegna si chiude in giallo, con il corto di Lisa Maria Kerschbaumer “Der Geschichtensammler “, dove un serial killer arrestato si trova di fronte alle domande di una poliziotta fredda e determinata.

Anche questa rassegna del festival è stata possibile grazie al sostegno di istituzioni e sponsor quali la Provincia autonoma di Bolzano, la Città di Bolzano, Alperia, la Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, l’Azienda di Soggiorno di Bolzano ed Euregio.

16.03.2018

BFFB 2018: ecco le giurie e tutti  i film e documentari  in concorso

Le due giurie internazionali, ognuna composta da tre persone, che giudicheranno il miglior lungometraggio e il miglior documentario della  prossima 32esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen sono così composte:

Premio al miglior documentario (sostenuto dalla Cassa di Risparmio di Bolzano): Klaus Schaefer (per decenni capo del FFF –  FilmFernsehFonds Bayern), Nela Märki (montaggio), Daniela Cecchin (Filmfestival della Lessinia).

Premio al miglior lungometraggio(sostenuto dalla Provincia autonoma di Bolzano): Carlos Gerstenhauer (Direttore dela sezione film del BR – Bayrischer Rundfunk ), Sarah Franzosini (giornalista di Salto.bz), Andrea Schramek (attrice e sceneggiatrice).

In totale, dal 10 al 15 aprile prossimi saranno in programma al festival circa 65 tra corti, documentari lungometraggi, non solo in concorso, ma in diverse sezuioni specifiche del festival, a creare un programma variegato e sfaccettato.

Di seguito la lista di chi si contenderà i due premi delle giurie di esperti.

 

I film in concorso:

DREI ZINNEN (Tre cime) di Jan Zabeil, regista berlinese che ambienta nelle Alpi italiane un dramma famigliare a sfondo giallo;

ES WAR EINMAL INDIANERLAND di Ilker Catak , che racconta le vicissitudini del diciassettenne Mauser;

CHI SALVERÀ LE ROSE, firmato dal regista Cesare Furesi, una delicata storia di una famiglia arcobaleno ante litteram che si troverà ad appianare attriti e incomprensioni;

A CIAMBRA, di Jonas Carpignano, storia della piccola comunità Rom nei pressi di Gioia Tauro;

L’ ANIMALE, di Katharina Mückstein, che racconta le vicessitudini della studentessa diciottenne Mati e della sua cricca di motocross;

L’ETÀ IMPERFETTA, di Ulisse Lendaro , storia della diciassettenne Camilla, che sogna di diventare ballerina;

MARIO, del regista svizzero Marcel Gisler: una storia d’amore tra calciatori professionisti;
SOMMERHÄUSER
, di Sonia Maria Kröner, che ci racconta come, nel corso dell’estate del 1976, un cortile di famiglia condiviso diventa il set di situazioni tragicomiche.

I documentari in concorso sono:

DIE FÜNFTE HIMMELSRICHTUNG, del giovane regista sudtirolese Martin Prinoth, storia familiare che parte dal 1 giugno 2009, quando un aereo passeggeri si schiantò nell’Oceano Atlantico;

MABACHER – #UNGEBROCHEN dell’austriaco Stefan Wolner, resoconto di un’appassionata testimonianza di come si possono oltrepassare i propri limiti fisici;

DAS VERSUNKENE DORF di Georg Lembergh e Hansjörg Stecher, racconto della terribile tragedia che si abbatté su Curon e Resia nel 1950 quando, a causa della costruzione della diga di Resia, i due villaggi furono sommersi dalle acque;

HAPPY WINTER di Giovanni Totaro, resoconto di un’estate, quella del 2016, sulla spiaggia di Mondello, vicino a Palermo;

LA BOTTA GROSSA di Sandro Baldoni, un documentario che racconta dei 40mila sfollati vittime del terremoto che colpì Norcia il 30 ottobre 2016;

THE POETESS di  Stefanie Brockhaus e Andi Wolf, biografia di Hissa Hilal, una poetessa e attivista quarantatreenne dell’Arabia Saudita;

WILDES HERZ di Charly Hübner e Sebastian Schulz, su una delle punkband più famose della Germania, i Feine Sahne Fischfilet;

WILLKOMMEN IN DER SCHWEIZ della regista Sabine Gisiger , documentario sui 40.000 profughi che nell’estate del 2015 riescono a varcare i confini della Svizzera e la reazione di un piccolo paesino alla situazione.

Entrambi i concorsi hanno come unico vincolo di selezione la provenienza dei lavori da uno dei seguenti Paesi dell’arco alpino: Italia, Germania, Svizzera e Austria, ​in un’alternanza tra lingua italiana e lingua tedesca tipiche del nostro territorio di confine, ​mentre non vi è un tema filo conduttore per le opere scelte.

01.03.2018

Birgit Minichmayr ospite d’onore del prossimo Bolzano Filmfestival Bozen

L’attrice austriaca, che risulta tra le più eclettiche e migliori interpreti della sua generazione, inaugura il 10 aprile, con il film “Tiere”, la 32esima edizione di BFFB.

Attrice teatrale, attrice cinematografica e cantante austriaca, vincitrice dell’Orso d’argento per la migliore attrice nel 2009 per l’intenso “Alle Anderen” di Maren Ade, Birgit Minichmayr, 41enne il prossimo 3 aprile, nel mondo del cinema è finora stata interprete di diversi interessanti lavori, tra i quali possiamo citare oltre ai precedenti, la partecipazione nel film “3 Tage in Quiberon” (2018) di Emily Atef dove ha interpretato la parte di Hilde Fritsch, la migliore amica di Romy Schneider.

Nel 2009 ha lavorato con Wolfgang Murnberger per la realizzazione del film “The Bone Man” dove ha interpretato la parte di Birgit. Notevole anche il suo ruolo ne “Il nastro bianco” di Michael Haneke. Ancora, nel 2005, in “Il Profumo – Storia di un assassino” di Tom Tykwers,  ha ben interpretato la madre del protagonista. Impegnata da anni in diversi teatri tra cui il Wiener Burgtheater, il Münchner Residenztheater, il Volkstheater di Berlino e la Schauspielhaus di Amburgo, l’attrice austriaca  ha ricevuto vari riconoscimenti e risulta essere anche molto amata dal pubblico (Premio austriaco Romy).

A Bolzano Birgit Minichmayr sarà presente con due film: oltre a “Tiere” che inaugura il festival (e per il quale saranno in sala anche il regista Greg Zglinski e il protagonista maschile Philipp Hochmair), sarà proiettato anche “Alle Anderen”. Di seguito le informazioni su entrambi i film.

Presentato nella sezione dei film di fiction dei 53.esimi Solothurner Filmtage (Giornate di Soletta), “Tiere”(Animals) di Greg Zglinski – coproduzione tra Svizzera, Austria e Polonia, è un film dalla narrazione complessa:  il continuo alternarsi di realtà parallele, con la labilità progressiva dei confini tra realtà e sogno, sanità e follia ricordano Shining e L’inquilino del terzo piano in un film che tiene sempre alto il livello della tensione e dell’inquietudine.

“Alle anderen” invece, racconta la storia di Gitti e Chris, coppia mal assortita che si è imposta di passare una vacanza in tête à tête. Scopriamo due esseri che si comportano come se ognuno di loro fosse da solo: piccoli rituali individuali, manie e desideri inappagati. L’incontro con un’altra coppia, apparentemente senza importanza, destabilizzerà il loro rapporto.

Durante la sua presenza a Bolzano, Birgit Minichmayr sarà anche insignita del Premio speciale alla carriera del festival, da parte di un/a rappresentante dell’Azienda di Soggiorno e Turismo della città di Bolzano (mercoledì 11 aprile, in occasione della proiezione del film “ Alle Anderen”), oltre che protagonista di una lettura a teatro – organizzata con la collaborazione delle Vereinigte Bühnen Bozen -, di stralci tratti da “Il diario di una signora di New York” di Dorothy Parker (il 9 aprile).

16.02.2018

Ecco i primi film e documentari in concorso al 32esimo Bolzano Film Festival Bozen. Tra loro anche diverse produzioni locali.

Mentre mancano poco meno di due mesi all’inizio della prossima edizione del festival, è  confermata la presenza, in occasione della 32esima edizione di BFFB, delle seguenti opere, con i/le rispettivi/e registe ad accompagnare i loro film/documentari in concorso a Bolzano.

E nei film e documentari in gara, come di seguito raccontati, spiccano anche diverse produzioni locali.

Iniziando dai documentari, in concorso c’è  DIE FÜNFTE HIMMELSRICHTUNG, del giovane regista sudtirolese Martin Prinoth; la storia parte dal 1 giugno 2009, quando un aereo passeggeri si schiantò nell’Oceano Atlantico: tra le 228 vittime c’era anche Georg, il cugino del regista, che stava tornando dal Brasile, dove era andato a cercare la sua vera madre. Dalla nascita infatti era cresciuto in Val Gardena, in Alto Adige, con un altro fratello adottivo, Markus. Il film, realizzato grazie al sostegno di IDM Südtirol-Alto Adige, analizza l’impatto che l’adozione ha sulle vite dei due fratelli adottivi e sulla loro ricerca della propria identità.

Un secondo documentario in gara è MABACHER – #UNGEBROCHEN dell’austriaco Stefan Wolner, dove la figura centrale è Martin Habacher, oggi famoso consulente sui social e  noto youtuber – che però, secondo una diagnosi alla nascita e poi una malattia, non avrebbe nemmeno potuto sopravvivere - viene narrata dal regista in un’appassionata testimonianza di come si possono oltrepassare i propri limiti fisici.

Ancora in concorso, per il miglior film, DREI ZINNEN (Tre cime) di Jan Zabeil, regista berlinese che ambienta nelle Alpi italiane un dramma famigliare a sfondo giallo, scaturito da quella che doveva essere una felice settimana di vacanza di una famiglia allargata. Il film, comprodotto dalla locale Miramonte Film di Andreas Pichler e Valerio B. Moser, con sostegno della IDM Alto Adige, ha aperto l’ultimo festival internazionale del cinema di Hof e vanta un cast internazionale.

L’opera prima  di Ilker Catak  ES WAR EINMAL INDIANERLAND racconta le vicissitudini del diciassettenne Mauser che, tra drammi in casa e incontri di pugilato, deve combattere contro le premonizioni di un indiano e una tempesta di proporzioni bibliche che non vuole saperne di cessare.

L’Italia arriva in concorso con Sandro Baldoni e LA BOTTA GROSSA, un documentario che racconta dei 40mila sfollati vittime del terremoto che colpì Norcia il 30 ottobre 2016. La testimonianza inizia con Baldoni, traumatizzato davanti alle macerie della sua abitazione di Campi, frazione di Norcia colpita dal sisma, un terremoto che non ha lasciato morti ma che ha trasformato gli abitanti di molti piccoli centri umbri e marchigiani in senzatetto, spesso costretti ad una “transumanza obbligata”.

Il regista sardo Cesare Furesi, con  CHI SALVERÀ LE ROSE, firma, in gara per il Premio al miglior film, una delicata storia d’amore fra due uomini anziani e un rapporto fragilissimo con la figlia di uno di loro: una famiglia arcobaleno ante litteram che si troverà ad appianare attriti e incomprensioni prima che sia troppo tardi. Nel cast Carlo Delle Piane, Caterina Murino, Lando Buzzanca, Antonio Careddu, Philippe Leroy.

Questi sono i primi sei dei 16, tra film e documentari, in gara  alla prossima edizione di BFFB, che saranno giudicati da due giurie internazionali, oltre al pubblico in sala, tra il 10 e il 15 aprile prossimi.

………………………….

19.1.2018

Anche la musica fa il film!

Per la prima volta a BFFB, un workshop sulla musica nei film.

Durante la prossima edizione di Bolzano Film festival Bozen (9 – 15 aprile 2018) avrà luogo un workshop sulla musica nei film, organizzato con la collaborazione del Conservatorio Claudio Monteverdi di Bolzano e IDM.

Tutti noi siamo a conoscenza di quanto importante sia la musica e la colonna sonora di un film. Opere com “Titanic”, oppure “Star Trek”, oppure “Il favoloso mondo di Amelie”, ma anche grandi classici come “La stangata” e mille altri, sono cartatterizzati da musica che non si può dimenticare e che ha dato un grande valore aggiunto al film. Comporre musica per i film è una professione che prende sempre più piede e che viene insegnata e studiata in molte scuole di musica.

In questi giorni, a Bolzano, c’è stato il primo workshop sulla composizione di musica nei film, organizzato dal festival BFFB, con il Conservatorio e IDM e sotto la guida esperta del professore, musicista e compositore di musica per i film, lo svedese Johan Ramström, che ha spiegato a 10 studenti e 3 uditori come si musica un film. Il passo successivo, in un secondo workshop previsto per fine febbraio, sarà la creazione della musica per 5 cortometraggi che sono stati scelti dal gruppo.

L’esperienza si concluderà con la presentazione dei lavori durante la 32esima edizione di Bolzano Film festival Bozen (10-15 aprile 2018) in un dialogo con il pubblico e in cui il professor Johan Ramström e gli studenti racconteranno agli spettatori come funziona tutto il processo di musicazione di un film e che cosa significa comporre musica per il cinema.

*********

REMINDER: Il progetto GIURIA STUDENTI EUREGIO verrà ripetuto nel 2018 con lo stesso scopo per cui è nato: avvicinare i ragazzi al mondo del cinema, dando loro strumenti di conoscenza dello stesso nell’atmosfera viva e piena di energia ed impulsi di un festival internazionale del cinema (10 – 15 aprile 2018).
Le candidature alla prossima giuria studenti sono aperte! Tutte informazioni su: www.filmfestival.bz.it e presso le rispettive intendenze scolastiche, che hanno già provveduto ad informare le scuole del progetto in corso anche per il 2018.

Registratevi alla newsletter FESTIVAL!
Riceverete regolarmente per e-mail tutti gli aggiornamenti e le novità sulla prossima edizione del festival, dal programma a tutti i termini di scadenza presentazione opere per i diversi concorsi e, durante la settimana del festival, avrete informazioni in tempo reale su highlights ed eventi speciali in corso. Per registrarsi basta inserire il proprio indirizzo e-mail! http://filmfestival.bz.it/it/newsletter/

20.12.2017

Auguri di Buon Natale da Bolzano Film Festival Bozen ed ecco le novità 2018

Cogliamo l’occasione di augurarVi Buon Natale e un felice 2018, nel quale, dal 10 al 15 aprile, si svolgerà la 32esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen, con un giorno in più di cinema – inauguriamo già di martedì! – e una novità: il festival ha appena ottenuto la certificazione GREEN EVENT dall’Agenzia provinciale per l’ambiente per il 2018.

Un traguardo importante, iniziato lo scorso anno con la certificazione going green event, che per il 2018 si è trasformata in green event, ovvero il festival è ora una manifestazione ecosostenibile a tutti gli effetti. I punti cardine perché un evento sia considerato tale sono: l’utilizzo di prodotti ecologici, l’efficienza energetica, la corretta gestione dei rifiuti, la valorizzazione dei prodotti locali, la responsabilità sociale e la mobilità verde. Se da sempre il nostro festival si comporta in maniera eco-compatibile, ora diviene ufficialmente un evento sostenibile che non solo contribuisce a tutelare l’ambiente, ma è un vantaggio in termini di marketing anche per i partner.

Orgogliosi di questa nuova certificazione, nel frattempo stiamo lavorando alla selezione delle opere per la nuova edizione. Lo scorso 15 dicembre sono scaduti i termini per l’invio opere e ne abbiamo ricevute alcune centinaia, tra documentari e lungometraggi: ora stiamo scegliendo quelli più adatti alla prossima edizione del festival, che prevede come sempre quattro concorsi: premio al miglior film, premio al miglior documentario, premio del pubblico e premio Giuria studenti.

Per quanto invece concerne i cortometraggi, il 2018 vede un progamma speciale di corti, organizzato in collaborazione con il festival internazionale di cortometraggi di Landshut (Germania), famoso per la sua attenta selezione e divulgazione di questo interessante genere cinematografico, di cui porterà a Bolzano 100 minuti di best of dall’edizione 2018 (14-19 marzo).

Annunciamo anche che l’edizione numero 32 porrà particolare attenzione sul lavoro del cineasta Lucio Rosa, regista, documentarista, giornalista, fotografo, che vive e lavora tra Bolzano e Venezia, la sua città natale, ma il lavoro lo svolge anche lungo le “vie del mondo”, ad esempio ha vissuto con i Pigmei in Africa centrale, raccontato Papua e documentato la bellezza del Sahara. Alcuni tra i suoi più significativi lavori saranno proiettati al prossimo Bolzano Film festival Bozen.

Ricordando che sarà la Lituania il Paese ospite del prossimo aprile, nella rassegna Focus Europa, e che sarà rappresentata da una delegazione e una rassegna di film organizzata in collaborazione con il Lithuanian Film Centre di Vilnius,
…ringraziamo tutti/e voi per la collaborazione e auguriamo
Buone feste e un felice Anno Nuovo
Helene Christanell, Martin Kaufmann, Antonella Arseni, Alma Vallazza, Angelika König

14.11.2017

Parte il tour di proiezioni di “La ragazza del mondo ” di Marco Danieli, il film premiato dalla giuria studenti Euregio a BFFB 2017

L’opera “La ragazza del mondo” di Marco Danieli, vincitrice della scorsa edizione del festival come miglior film scelto dalla giuria studenti EUREGIO, verrà presentata in sala nell’ambito del progetto CINEMA E SCUOLA e in presenza dell’aiuto regista Lorenzo Caproni e dei giurati delle rispettive Regioni:

● mercoledì 29.11, alle 9.15 e alle 10.30, presso il Filmclub di Bolzano, via Dr. Streiter, 6D;
● venerdì 1.12, alle 10.00, al cinema Astra di Trento, Corso Michelangelo Buonarroti, 16;
● giovedì 30.11, alle 10.00, al Leo-Kino di Innsbruck, Anich-Straße, 36.

Sinossi: Giulia, con tutta la sua famiglia, fa parte dei Testimoni di Geova. Le regole che l’appartenenza a questo gruppo religioso le impone sono rigide e comportano una separazione nelle relazioni sentimentali con i non appartenenti alla comunità. Un giorno conosce, durante uno dei suoi impegni di proselitismo, Libero, ma viene diffidata dal continuare a frequentarlo, pena l’allontanamento dalla Chiesa. Lei decide di non arrendersi.

Note sul regista e sul film: Classe 1976, nel 2007 ha conseguito il diploma in Regia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia. I suoi cortometraggi sono stati presentati alla Mostra del Cinema di Venezia e al Tau Film Festival di Tel Aviv. Dal 2011 è tutor di Regia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia nel corso diretto da Daniele Luchetti. “La ragazza del mondo” è il suo primo lungometraggio di finzione.

FILMOGRAFIA di Marco Danieli (una scelta): 2012 Luce propria (documentario), 2012 Le gemelle Wrestler (corto), 2012 Nessuna rete (videoclip), 2011 Post (corto), 2010 Hotel Terremoto (documentario), 2008 Il silenzio di Corviale (documentario), 2008 Ultima spiaggia (corto), 2007 I capelli della sposa (corto), 2006 Primavera (corto), 2006 La gioia degli altri (corto), 2005 Manic (corto), 2004 Amò (documentario).

Credits: CO-SCENEGGIATURA: Antonio Manca, FOTOGRAFIA: Emanuele Pasquet, MONTAGGIO: Alessio Franco, Davide Vizzini, MUSICA: Umberto Smerilli, INTERPRETI: Sara Serraiocco, Michele Riondino, Marco Leonardi, Stefania Montorsi, Pippo Delbono, Lucia Mascino.

Per i giornalisti interessati ad intervistare l’aiuto regista ed i ragazzi della giuria studenti EUREGIO vi è la possibilità di farlo dopo le suddette proiezioni e/o di prendere parte al q & a in sala. Preghiamo comunque di comunicare la richiesta a: arseni@filmfestival.bz.it
Note sulla giuria studenti EUREGIO: I ragazzi della giuria 2017, tutti studenti liceali erano: Chiara Bonoldi, Bolzano (Südtirol/Alto Adige), Elisa Leimgruber, Girlan (Südtirol/Alto Adige),
Greta Maurer, Bozen (Südtirol/Alto Adige), Davide Angeli, Trento (Trentino), Marco Filippo, Trento (Trentino), Giona Vettori, Trento (Trentino), Vanessa Egger, Kaprun (Salzburg), Greta Longariva, Innsbruck (Tirol), Irene Mallaun, See (Tirol). Hanno scelto la loro opera preferita, che accompagnano in sala e presentano nei rispettivi paesi, raccontando la loro esperienza.
Per la seconda volta nella sua storia, la passata edizione di Bolzano Film Festival Bozen ha avuto una giuria di studenti. Oltre alle due giurie di esperti internazionali chiamati a premiare documentari e lungometraggi e oltre alla giuria popolare costituita dal pubblico in sala, il festival – che ad aprile 2017 ha festeggiato il suo trentunesimo compleanno – si è arricchito della collaborazione di 9 studenti del liceo chiamati a giudicare il migliore tra 5-6 film e documentari scelti apposta per loro dal team del festival. Il loro lavoro è stato accompagnato da due tutor esperti di cinema ed il film premiato è entrato nell’attuale programma scolastico KINO & SCHULE, che prevede appunto la presentazione in varie scuole in presenza del/della regista in sala, con la moderazione in sala a carico dei ragazzi stessi.
Durante il festival i ragazzi hanno anche preso parte ad un workshop con due referenti esperti in cinema, Arnold Schnötzinger, critico cinematografico di Ö1 (Radio Österreich 1) e Werther Ceccon, insegnante e membro del gruppo di lavoro KINO & SCHULE, che hanno trasmesso loro i criteri base per la valutazione di un film, il linguaggio cinematografico, i diversi modi di scrittura di una recensione, i diversi generi cinematografici e come si comunica in e di un film, ovvero contesto mediale e terminologia appropriata.
Il progetto, fortemente voluto dal team del festival e che gode del prezioso sostegno dell’EUREGIO e delle intendenze scolastiche dei Paesi membri, verrà ripetuto nel 2018 con lo stesso scopo per cui è nato: avvicinare i ragazzi al mondo del cinema, dando loro strumenti di conoscenza dello stesso nell’atmosfera viva e piena di energia ed impulsi di un festival internazionale del cinema (10 – 15 aprile 2018).
Le candidature alla prossima giuria studenti sono aperte! Tutte informazioni su: www.filmfestival.bz.it e presso le rispettive intendenze scolastiche, che hanno già provveduto ad informare le scuole del progetto in corso anche per il 2018.

Registratevi alla newsletter FESTIVAL!
Riceverete regolarmente per e-mail tutti gli aggiornamenti e le novità sulla prossima edizione del festival, dal programma a tutti i termini di scadenza presentazione opere per i diversi concorsi e, durante la settimana del festival, avrete informazioni in tempo reale su highlights ed eventi speciali in corso. Per registrarsi basta inserire il proprio indirizzo e-mail! http://filmfestival.bz.it/it/newsletter/

08.11.2017

È LA LITUANIA IL PAESE OSPITE DI BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN 2018

La prossima edizione del festival (10 – 15 aprile 2018) si appresta, dopo avere ospitato Slovenia e Lussemburgo, a ricevere a Bolzano una delegazione dei più significativi ospiti del mondo cinematografico lituano. A rappresentare la Lituania, oltre agli ospiti con cui verrà organizzato un incontro aperto al pubblico, ci sarà una rassegna di film organizzata in collaborazione con il Lithuanian Film Centre di Vilnius. Nel 2018, per la sua 32esima edizione, sarà la terza volta che il festival avrà un focus sulla cinematografia di un altro paese europeo, un highlight nel programma che è stato particolarmente apprezzato lo scorso anno.

Ricordiamo di seguito i termini per l’invio opere e per iscriversi al workshop FINAL TOUCH#3 della prossima edizione del festival.

TERMINE PER L’INVIO DI LUNGOMETRAGGI E/O DOCUMENTARI

Il 15 dicembre 2017 scade il termine per inviare la propria opera (lungometraggio o documentario) alla 32esima edizione di BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN, che si svolgerà dal 10 al 15 aprile 2018 e che – per la prima volta nella sua storia- inizierà un giorno prima, inaugurando di martedì, in modo da dare più spazio ai numerosi film ed eventi del programma 2018.

Ricordiamo che verranno ammessi nel programma lungometraggi che hanno la durata minima di 75 minuti e documentari con durata minima di 55 minuti e che le opere devono essere state prodotte nel corso del 2017 e nei seguenti Paesi: Italia, Germania, Svizzera e Austria, mentre le opere inviate al festival da filmmakers provenienti e/o residenti in Alto Adige non sottostanno a limitazioni di durata.

Tutte le informazioni sull’invio delle opere sono consultabili su: http://filmfestival.bz.it/it/edizione-2018/accredito-film/ammissioni-film/http://filmfestival.bz.it/it/edizione-2018/accredito-film/ammissioni-film/

TERMINE PER L’ISCRIZIONE A FINAL TOUCH#3: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS

Il 18 dicembre 2017 è invece l’ultima chance per i filmmakers per iscriversi a FINAL TOUCH#3: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS, l’offerta settoriale di altissimo livello che ha l’obiettivo di sostenere giovani filmmakers nel perfezionamento dei rispettivi film e documentari per il cinema.
Il progetto, organizzato da Bolzano Film Festival Bozen insieme alla IDM – Film Commission dell’Alto Adige, offre ai giovani filmmakers la chance di dare un ultimo tocco al proprio progetto nel corso di un colloquio confidenziale con un team interdisciplinare di esperti e di discutere i parametri individuali per far esordire con successo il proprio film. Gli esperti ad offrire la loro consulenza durante i workshop 2018 sono: Nikolaj Nikitin e Sergio Fant (settore Filmfestival), Evi Romen (settore montaggio), Catia Rossi (settore distribuzione), Angela Reedwisch (settore postproduzione), Birgit Oberkofler (settore fondi di finanziamento).

Abbiamo anche il piacere di comunicare che, alla novità della passata edizione 2017, ovvero l’assegnazione del FINAL TOUCH ARRI Media post-production prize ad un progetto che ha colpito in modo particolare gli esperti (del valore di EURO 5.000), nel 2018 si aggiunge il premio TRUE COLOURS International Distribution Prize, un aiuto ai giovani filmmakers che consiste in servizi per la distribuzione internazionale della loro opera.

Tutte le informazioni su: http://filmfestival.bz.it/it/edizione-2018/accredito-film/ammissione-final-touch/http://filmfestival.bz.it/it/edizione-2018/accredito-film/ammissione-final-touch/

12.4.2017

Bolzano Film Festival Bozen 2017: la 31esima edizione ha confermato i numeri dello scorso anno con alcune novità

L’edizione appena conclusa del festival ha fatto registrare oltre 4000 presenze con alcune novità, una delle quali è sicuramente rappresentata dal fatto che i principali premi sono stati vinti da giovani registe donne e alla loro opera prima. DAS UNMÖGLICHE BILD di Sandra Wollner ha conquistato la giuria composta da Daniele Ciprì, Noni Lickleder e David Wegmüller che ha deciso di premiarla per il miglio film, mentre HAPPY della regista Carolin Genreith ha convinto i giurati Luca Ragazzi, Georg Tschurtschenthaler e Barbara Winkler, che le hanno assegnato il premio al miglior documentario. E un’altra giovane donna, la regista di THE GOOD INTENTIONS, Beatrice Segolini, ex studentessa della scuola di cinema Zelig di Bolzano, ha ottenuto una menzione speciale dalla giuria per il suo documentario.

Le opere prime spiccano anche negli altri premi: il pubblico in sala, con il suo voto per il film Geschwister di Markus Mörth, ha premiato un giovane cineasta tedesco, mentre la giuria studenti EUREGIO, con il suo premio a La ragazza del mondo di Marco Danieli, ha ricelebrato con la sua scelta un regista che in Italia ha appena vinto il David di Donatello come miglior regista esordiante.

Al festival sono anche aumentate le presenze locali: i filmmakers del territorio, che hanno presentato le loro ultime opere nella sezione LOCAL ARTISTS del festival, hanno registrato il tutto esaurito quasi a tuttel le proiezioni, tanto che sono state organizzate proiezioni aggiuntive di alcuni film, su forte pressione di pubblico e addetti ai lavori. Inoltre, è stata registrata la forte partecipazione a tutte le rassegne del festival da parte degli studenti della scuola di documentario, cinema e nuovi media, Zelig, di Bolzano.

Sale esaurite, nonostante il bel tempo anche nella giornata conclusiva del festival, domenica 9 aprile, dove lo spettacolo delle 16.00 del film per ragazzi Amelie rennt (girato in Alto Adige e appena premiato con una menzione speciale nella sezione generation Kplus dell’ultima Berlinale), ha visto la sala piena tra l’entusiasmo dei giovanissimi spettatori presenti.

Da segnalare anche la massiccia presenza della stampa sia locale che straniera al festival: l’ospite d’onore Michele Placido compare più volte sia sulla stampa scritta che alla televisone tedesca, austriaca e svizzera, oltre che in quella italiana ed è stato seguito con particolare attenzione dai fan tedeschi che non hanno mai dimenticato il suo ruolo nella Piovra.

La prossima edizione di Bolzano Film festival Bozen si svolgerà dall’11 al 15 aprile 2018.

8.4.2017

I vincitori della 31esima edizione di BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN 2017

Premio Provincia autonoma di Bolzano al miglior lungometraggio
La giuria internazionale composta da Daniele Ciprì, Noni Lickleder e David Wegmüller ha deciso di premiare:
DAS UNMÖGLICHE BILD di Sandra Wollner come miglior film e di attribuire una menzione speciale a KATER di Händl Klaus.
Di seguito le motivazioni della giuria:
Il premio per il miglior film va a DAS UNMÖGLICHE BILD di Sandra Wollner.

Raccontando con un linguaggio che appartiene a tutti noi, cioè la memoria e l’immaginario, e facendo anche una riflessione su come filmare una storia, il film premiato ci ha colpito in un modo particolare, facendoci anche riflettere. Come giurati, teniamo a citare questi tre frasi che si ritrovano alla fine del film:
«Forse immaginare qualcosa
 è come ricordarselo.
Solo con le immagini
 non si registra niente.
La memoria è così inaffidabile
 che potrebbe anche essere il futuro.»

Una menzione speciale della giuria va al film KATER di Händl Klaus: per l’osservazione del sentimento della fiducia e di ciò che accade quando questo sentimento viene tradito.

Premio Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano al miglior documentario
La giuria internazionale composta da Luca Ragazzi, Georg Tschurtschenthaler e Barbara Winkler ha deciso di premiare HAPPY della regista Carolin Genreith come miglior documentario e di attribuire una menzione speciale a “THE GOOD INTENTIONS di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber.

Di seguito le motivazioni della giuria:
Per la capacità di compiere un viaggio che è al tempo stesso, conoscenza di una cultura diversa e cambiamento di un punto di vista, non solo di protagonisti ma anche del pubblico, sorretto da una forte onestà intellettuale, e un raffinato gusto estetico, la giuria assegna il primo premio per il miglior documentario al film HAPPY di Carolin Genreith
La giuria assegna una menzione speciale al film The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber: Uno sguardo lucido e spietato all’interno di una costellazione familiare di cinque persone dove si discute molto e si fuma anche di più, che grazie al film comincia a sgretolarsi e ad innescare un cambiamento.

Premio del pubblico Città di Bolzano
Il pubblico in sala ha votato per: Die Geschwister di Markus Mörth
Premio giuria studenti Euregio (Tirolo, Alto Adige e Trentino)
Il film vincitore assegnato dalla giuria studenti, composta da:
Chiara Bonoldi, Bolzano (Südtirol/Alto Adige), Elisa Leimgruber, Girlan (Südtirol/Alto Adige),
Greta Maurer, Bozen (Südtirol/Alto Adige), Davide Angeli, Trento (Trentino), Marco Filippo, Trento (Trentino), Giona Vettori, Trento (Trentino), Vanessa Egger, Kaprun (Salzburg), Greta Longariva, Innsbruck (Tirol), Irene Mallaun, See (Tirol) e seguita dai tutor esperti Arnold Schnötzinger e Werther Ceccon è:

“La ragazza del mondo“ di Marco Danieli.
Di seguito le motivazioni della giuria:
La nostra scelta premia un film che ci ha particolarmente coinvolti e che allo stesso tempo ha messo in atto un processo di consapevolezza che ci ha fatto riflettere. Un film che si batte per la libertà, la passione e i sentimenti autentici in contrapposizione ad una vita caratterizzata dalle ristrettezze di una esistenza quasi esclusivamente religiosa e da forti condizionamenti familiari. Un film contraddistinto da una narrazione profonda, da una convincente prova degli attori e da un alto grado di coinvolgimento emotivo con i dissidi interiori dei protagonisti. Per questo la scelta della Giuria giovanile dell’Euregio va al film “La ragazza del mondo“ di Marco Danieli.

Il film premiato rientrerà poi nel futuro programma scolastico KINO & SCHULE e sarà presentato in varie scuole di Bolzano, Innsbruck e Trento in presenza del/della regista, con la moderazione in sala fatta dei ragazzi stessi.

I film vincitori verranno proiettati domenica 9 aprile 2016 con i seguenti orari:
ore 15.30 Uhr, Capitol 2
Premio Fondazione Cassa di Risparmio
HAPPY di Carolin Genreith

ore 18.00 Uhr, Teatro Cinema Rainerum
Premio giuria studenti Euregio
LA RAGAZZA DEL MONDO di Marco Danieli

ore 20.00 Uhr, Teatro Cinema Rainerum
Premio Provincia di Bolzano
DAS UNMÖGLICHE BILD di Sandra Wollner

ore 18.00 Uhr, Capitol 1
Premio del pubblico Città di Bolzano
DIE GESCHWISTER di Markus Mörth

……e ancora la prossima settimana lunedì martedì, mercoledì (Capitol1, Capitol 2, Club 3) : www.filmclub.it

4.4.2017

Bolzano Film Festival Bozen: domani si parte!

Internazionale, ma unico nel suo dialogo privilegiato tra il Nord e il Sud, tra tedesco ed italiano, Bolzano Film festival Bozen si appresta da domani a regalare 5 giornate speciali per la prossima edizione, prevista dal 5 al 9 aprile 2017, con circa 60 tra documentari, lungo-e cortometraggi, numerosi ospiti internazionali, un ricco programma di contorno e Michele Placido ospite d’onore.

Il film lussemburghese Rusty Boys, del regista Andy Bausch, è il film d’apertura della 31esima edizione festival. Oggi, mercoledì 5 aprile, l’ultimo lavoro del regista che con il precedente “Le Club des Chômeurs“ (2001) che ha avuto il maggior incasso della storia del cinema del suo paese, inaugurerà le 5 giornate del festival del cinema a Bolzano. Il regista è presente in sala.
Il film è una intelligente commedia che racconta di Fons, Lull, Nuckes und Jängi, quattro arzilli vecchietti che proprio non ne vogliono sapere di finire in una casa di riposo. Cosa fare allora? Ma certo: fondare una comune! Nel suo undicesimo film, il regista lussemburghese Andy Bausch ci racconta tra gag e risate, il miglior modo di affrontare la vecchiaia.

Prima del film verrà proiettato il cortometraggio, Mr Hublot, di Laurent Witz e Alexandre Espigares, che nel 2014 ha vinto l’Oscar come miglior corto d’animazione. Il film racconta la vita del signor Hublot, che vive in un mondo dove i personaggi sono realizzati in parte di parti meccaniche ed è un personaggio introverso, eccentrico e con un disturbo ossessivo-compulsivo. La sua soluzione: non mettere piede fuori dal suo appartamento! Ma l’arrivo del cane robot Pet però trasformerà la sua vita: dovrà condividere la sua casa con un compagno molto invasivo.

Rendiamo noti anche i nomi dei filmmakers scelti per partecipare al progetto i FINAL TOUCH #2: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS, l’offerta settoriale di altissimo livello che ha l’obiettivo di sostenere giovani filmmakers nel perfezionamento dei rispettivi film e documentari per il cinema.
Il progetto, organizzato dalla Film Commision dell’Alto Adige e Bolzano Film Festival Bozen offre ai giovani filmmaker la chance di dare un ultimo tocco al proprio progetto nel corso di un colloquio confidenziale con un team interdisciplinare di esperti e di discutere i parametri individuali per far esordire con successo il proprio film. Gli esperti ad offrire la loro consulenza durante i workshop 2017 sono: Nikolaj Nikitin (settore Filmfestival), Evi Romen (settore montaggio), Catia Rossi (settore distribuzione), Josef Reidinger (settore postproduzione), Gabriele Röthemeyer e Christiana Wertz (settore fondi di finanziamento). La novità del 2017 è l’assegnazione del FINAL TOUCH ARRI Media post-production prize ad un progetto che ha colpito in modo particolare gli esperti. Il premio include servizi di postproduzione pari a EURO 5.000 presso la ARRI Media (Monaco).
I partecipanti all’offerta formativa di questa edizione del festival sono:

- Beatrice Dina con “The Barefoot shoemaker“ (Modena)
- Sarah Trevisol con “Gods for a week“ (Bolzano)
- Andreas Wolf, Stefanie Brockhaus con “Behind the Veil“ (Monaco)

24.3.2017

Giovanti talenti, opere prime e un programma speciale per i bambini/ragazzi a BFFB 2017

Tra i filmmakers che presentano le loro opere alla prossima edizione del festival spiccano quest’anno i giovani, tra cui molte donne registe. Inoltre ci sono in programma anche numerose opere prime che spaziano in tutte le sezioni del festival, non solo tra i film e documentari scelti per i diversi concorsi.

Nel concorso per il miglior documentario, i film Happy di Carolin Genreith e Saro di Enrico Maria Artale (entrambi i filmmakers sono classe 1984) e The good intentions dell’ex studentessa ZeLIG (e primo film ZeLIG in concorso nella storia di BFFB) Beatrice Segolini e di Maximilian Schlehuber (entrambi classe 1991), non sono legati solamente dalla giovane età dei loro registi, ma anche dai temi scelti: tutti si occupano di rapporti familiari, in particolare con il padre.

Diverse opere prime sono anche presenti nel concorso al miglior lungometraggio, come ad esempio Das unmögliche Bild dell’austriaca Sandra Wollner (classe 1983), oppure Die Einsiedler del nativo bolzanino Ronny Trocker (classe 1978), e ancora I figli della notte di Andrea de Sica (classe 1981), che è anche uno dei 6 film presenti nella sezione Made in südtirol, che accorpa quei film girati in parte sul territorio con il sostegno della IDM Südtirol Alto Adige.

Molti i giovani presenti anche nelle altre sezioni del festival, come adesempio in Local artists, dove troviamo il noir Im Nesseltal di Philipp P. Pamer (classe 1985), Bar Mario di Stefano Lisci (classe 1984), Brennero/Brenner di Julia Gutweniger e Florian Kofler (nati rispettivamente nel 1988 e nel 1986), Thank you George di Jasmin Mairhoher (classe 1989) e Quellmalz di Mike Ramsauer (classe 1981), che ha concorso e poi è stato scelto per partecipare – in fase di lavorazione finale – al progetto FINAL TOUCH#1 organizzato in collaborazione di IDM Südtirol-Alto Adige e che verrà presentato venerdì 7 aprile alle ore 20.00 in anteprima al Capitol 2.

Tutti i sopracitati filmmakers sono ospiti del festival ed alcuni di loro (Sandra Wollner, Ronny Trocker, Mike Ramsauer, Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber) parteciperanno al Salto Talk: giovani registi al festival: il debutto, un incontro moderato dal giornalista Martin Hanni, che avrà luogo venerdì 7 aprile dalle ore 11.00, nel foyer del cinema Capitol a Bolzano e a cui tutti7e sono invitati a partecipare.

I film per bambini/ragazzi a BFFB 20017

Saranno non uno come era di tradizione, ma due, i film per i bambini alla prossima edizione del festival: uno verrà presentato in lingua tedesca e uno in lingua italiana, sottotitolato in inglese, cui si aggiunge quest’anno anche un cortometraggio per i ragazzi.

Si tratta de La canzone del mare (animazione, Irlanda, Belgio, Danimarca, Lussemburgo, Francia 2014, 93 min., italiano / sottotilato in inglese) del pluripremiato regista irlandese Tomm Moore. Nato a Newry, Irlanda del Nord, nel 1977, Moore ha studiato animazione al Ballyfermot College di Dublino. Ha co-fondato lo studio di animazione Cartoon Saloon e ha scritto, prodotto, animato e diretto cortometraggi e spot pubblicitari. “The Secret of Kells” nel 2010 e “La canzone del mare” nel 2015, sono stati nominato all’Oscar per il Miglior film d’Animazione.
Il film si svolge in un’isola sulla costa dell’Irlanda, dove il piccolo Ben cova risentimento per la sorella minore Saoirse, la cui nascita avrebbe (per quel che ne sa) posto fine alla vita dell’adorata mamma. Il babbo Conor, devastato dal dolore, teme soprattutto una cosa: che la piccola abbracci il destino di sua madre, che come lei era una selkie, cioè una mistica creatura del mare in grado di trasformarsi in foca. Ben comincerà a guardare la sorella in modo diverso, mentre per Saoirse si apriranno le porte di una missione epica… La musica del film è della famosa band irlandese Kila.

Secondo film per ragazzi in programma è Amelie rennt coproduzione italo-tedesca del regista tedesco Tobias Wiemann (2017, 97 min.). Il film, in concorso e premiato a Generation Kplus della 67. Berlinale, sezione che ospita solitamente opere cinematografiche legate al mondo dei bambini e dei ragazzi, è stato girato anche in Alto Adige tra l’Alpe di Siusi e la Valle Aurina la scorsa estate e racconta l’incontro magico tra una ragazzina di città e un ragazzo di montagna. Protagonisti sono la giovane Mia Kasalo e l’attore altoatesino Samuel Girardi, insieme a Susanne Bormann, Denis Moschitto e Jasmin Tabatabai. Menzione speciale a Berlino con la seguente motivazione: “il film, con umorismo e dialoghi pieni di ritmo, descrive la nascita di un’amicizia speciale tra due personaggi affascinanti”

Inoltre verrà poiettato al festival il corto Superheroes di Volker Petters (Germania, 16 min., in lingua tedesca) che racconta le vicessitudini di Phil, che è davvero piccolo per la sua età e per questo viene sempre provocato da Samuel e dai bulletti della sua compagnia. Quando Jo la lesbica, più grande di loro, corre in aiuto di Phil, a Samuel non va bene per niente. Ma Jo e Phil non sono gli unici ad essere diversi e isolati dagli altri

22.3.2017

Uno sguardo ad alcune sezioni del prossimo BFFB

Di seguito uno sguardo all’interno di alcune delle numerose sezioni della prossima edizione del festival. Si tratta di rassegne riguardanti sia i lavori recenti di vari artisti locali, sia di quelli di cineasti locali e internazionali che hanno girato le loro opere sul territorio.

Rassegna Miramonte Film

Quest’anno l’highlight della produzione locale è rappresentato dalla celebrazione al festival della casa di produzione bolzanina Miramonte Film, che sviluppa e realizza film documentari e altri prodotti audiovisivi per il cinema e la TV sia in ambito locale che europeo.
I formati spaziano dal documentario di grande impegno creativo alle serie TV ed a lavori su commissione per privati ed enti pubblici. I punti chiave dell‘impegno di Miramonte Film stanno nella ricerca di uno specifico linguaggio filmico ed una forma innovativa per ogni singolo progetto. Miramonte Film opera in una rete di collaboratori e professionisti sparsi in tutta Europa. Molti progetti sono stati realizzati e finanziati in un contesto di coproduzione europea. Miramonte Film è stata fondata da Andreas Pichler e Valerio B. Moser che hanno voluto mostrare in questa occasione all’interno del festival una scelta dei loro primi e forse meno conosciuti lavori, che sono Send me a postcard (cortomentraggio, 1999), Alles was ich brauch. Leben zwischen 15 und 18 Jahren (documentario, 2002), Franco D’Andrea – Jazz Pianist (Documentario, 2006), Sarner Ski – Erste Südtiroler Skifabrik der Welt (documentario, 2008), Der Pfad des Kriegers (documnetario 2008), tutti per la regia di Andreas Pichler e inoltre il documentario Unda Radio, per la regia di Federico Campana e Cornelia Schöpf.

Presso il nuovo infopoint della 31 esima edizione del festival (Bolzano, Via dei Bottai nr. 23a) sarà inoltre allestita una mostra con materiale d’archivio della casa di produzione Miramonte Film.

Rassegna Local artists

Rassegna ormai di tradizione nel programma del festival, comprende una scelta tra le più attuali produzioni di filmmakers locali, a confermare il fatto che l’Alto Adige è una terra di talenti anche in campo cinematografico. Quest’anno, in occasione dei 20 anni dalla morte della scrittrice sudtirolese Anita Pichler, presentiamo „Anita Pichler. Ich will einfach erzählen“ documentario di Evi Oberkofler e Edith Eisenstecken (2002) sulla vita e le opere della prima scrittrice sudtirolese del dopoguerra la cui fama varcò i confini della terra natia.

Nella sezione sono presenti inoltre, il documentario A second birthday di Georg M. Zeller, toccante racconto della storia di Misha, il figlio del regista, affetto da fibrosi cistica; il documentario T.Raum – Una concreta utopia, di Mauro Podini, su una particolare compagnia teatrale, il thriller psicologico Im Nesseltal di Philipp J. Pamer, il documentario Bar Mario di Stefano Lisci, sullo storico e particolare bar bolzanino a forma di nave, Brennero/Brenner documentario sul confine di Julia Gutweniger, Florian Kofler, Gewähltes Glück, delicato documentario di Günther Haller sulla quotidianità di un contadino, Thank you George, documentario di Jasmin Mairhofer e Armin Widmann, sul musicista country George McAnthony.

Altro importante punto del programma local artists è rappresentato dalla proiezione del film Quellmalz di Mike Ramsauer: l’opera ha concorso e poi è stata scelta per partecipare – in fase di lavorazione finale – al progetto Final Touch #1 organizzato in collaborazione di IDM Südtirol-Alto Adige. Durante la scorsa edizione di BFFB, un team interdisciplinare di esperti ha aiutato il regista nel perfezionamento del film, che ora, finito, esordisce nel programma del festival. Il documetario racconta del dottor Alfred Quellmalz, un esperto di musica assoldato dalle SS per girare attraverso la Germania nazista e registrare le canzoni popolari sul magnetofono e del suo arrivo in Alto Adige.

Rassegna Made in Südtirol

L’Alto Adige come location cinematografica è alla base di questa rassegna, che quest’anno comprende una scelta di 6 film internazionali girati in parte sul territorio – con il sostegno del fondo di IDM Südtirol/Alto Adige – e che hanno visto la collaborazione di varie maestranze locali.

Due dei film di MADE IN SÜDTIROL, I figli della notte e Die Einsiedler sono stati inseriti nel concorso miglior lungometraggio, mentre la magica storia di Amelie rennt, che fa parte della selezione film per i giovani, è stata appena presentata e premiata in anteprima mondiale all’ultima Berlinale.

Nella rassegna saranno inoltre al festival il noir svizzero Il nido di Klaudia Reynicke, la coproduzione Die Nacht der 1000 Stunden, per la regia di Virgil Widrich, intricata storia di una famiglia e Monte di Amir Naderi, dura storia di vita contadina ambientata in un villaggio semi-abbandonato ai piedi di una montagna.

Il programma dettagliato del festival sarà online a partire dal 25 marzo 2017.
La conferenza stampa di presentazione della 31esima edizione di BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN si terrà martedì, 28 marzo 2017, alle ore 11.00, nella sala 2 del Filmclub di via Dr. Streiter 6, a Bolzano.

17.3.2017

Michele Placido ospite d’onore con premio alla carriera alla prossima edizione di Bolzano Film Festival Bozen

L’attore, regista e sceneggiatore italiano Michele Placido (Ascoli Satriano, 19 maggio 1946), a livello internazionale conosciuto per il ruolo del commissario di Polizia Corrado Cattani, interpretato nelle prime quattro stagioni della celebre serie televisiva La piovra, sarà l’ospite d’onore alla prossima edizione del festival del cinema di Bolzano.
Placido, che vinto l’Orso d’argento per il miglior attore al Festival di Berlino per Ernesto di Salvatore Samperi e diversi David di Donatello, dopo essere stato diretto dai più impegnati registi italiani, da Bellocchio a Montaldo, Rosi, i Taviani, Amelio e Ferreri, è comparso anche in commedie brillanti, come Il caimano di Nanni Moretti.

A Bolzano FilmFestival Bozen 2017 verranno proiettati due dei suoi film da regista, 7 MINUTI (lungometraggio, Italia 2016, 88 min.) e LA SCELTA (lungometraggio, Italia 2015, 86 min.), entrambi in italiano con sottotitoli in inglese.

SINOSSI 7 MINUTI: I proprietari di un’azienda tessile italiana cedono la maggioranza a una multinazionale. Sembra che non siano previsti licenziamenti, operaie e impiegate possono tirare un sospiro di sollievo. Ma c’è una clausola nell’accordo che la nuova proprietà vuole far firmare al Consiglio di fabbrica. Undici donne dovranno decidere per sé e in rappresentanza di tutta la fabbrica se accettare la richiesta dell’azienda. Il dibattito si accende in un caleidoscopio di vite diversi e pulsanti di donne, madri, figlie. Da una storia vera.
Il film verrà proiettato il giorno 7 aprile 2017, alle ore 21.15 al CAPITOL 1, in presenza del regista, che riceverà anche i premio del festival alla sua carriera.

SINOSSI LA SCELTA: Quella di Laura e Giorgio potrebbe essere una storia di normale felicità quotidiana, se solo una violenza improvvisa non ne sconvolgesse l’equilibrio, portando alla luce le loro diversità caratteriali. Quando, poi, Laura scopre di essere incinta, il dubbio sulla paternità del bambino mette alla prova il loro amore, costringendo i due coniugi ad affrontare ogni paura e a fare una scelta.
Il film verrà proiettato il giorno 6 aprile 2017, alle ore 20.30 al TEATRO CINEMA RAINERUM.

FILMOGRAFIA DI MICHELE PLACIDO (come regista): 2016 7 minuti, 2015 La scelta, 2012 Il cecchino, 2010 Vallanzasca – Gli angeli del male, 2009 Il grande sogno, 2005 Romanzo criminale, 2004 Ovunque sei, 2002 Un viaggio chiamato amore, 1998 Del perduto amore, 1995 Un eroe borghese, 1992 Le amiche del cuore, 1990 Pummarò

DIALOGO CON MICHELE PLACIDO: il giorno 7 aprile, alle ore 17.00, presso l’ACADEMY Cassa di Risparmio di Bolzano, in Via Cassa di Risparmio, 16, si terrà un incontro con il regista a cui pubblico e stampa sono invitati a partecipare.

NOMINATI I 6 GIURATI DELLE DUE GIURUIE INTERNAZIONALI DEL FESTIVAL

Nella giuria che valuterà il miglior lungometraggio, Premio Provincia Autonoma di Bolzano, siederanno: Daniele Ciprì, Noni Lickleder e David Wegmüller.
Saranno invece Luca Ragazzi, Georg Tschurtschenthaler e Barbara Winkler a scegliere il miglior documentario tra quelli in consorso al festival , cui attribuiranno il Premio Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano.

SCELTI I ANCHE I 9 MEMBRI DELLA GIURIA STUDENTI EUREGIO del festival

Cogliamo anche l’occasione di comunicare che, mentre i preparativi del festival procedono, sono stati scelti i 9 membri (e i film per loro) della giuria studenti Euregio 2017.
Tra tutti i film e documentari in concorso, 5 opere verranno giudicate da una giuria composta da ragazzi di 17 anni. Le opere sono state selezionate perché ritenute adatte all’età dei/lle ragazzi/e e sono: Geschwister di Markus Mörth; I figli della notte di Andrea de Sica; La ragazza del mondo di Marco Danieli; Unten di Djordje Čenić e Herrmann Peseckas e Café Waldluft di Matthias Koßmehl.

I ragazzi che sono stati ammessi a partecipare alla GIURIA STUDENTI EUREGIO 2017 sono 9: tre provengono da scuole superiori del Tirolo, 3 dal Trentino e 3 dall’Alto Adige e sono:
Chiara Bonoldi, Bolzano (Alto Adige), 4. classe del Liceo Linguistico Carducci, Bolzano
Elisa Leimgruber, Girlan (Alto Adige), 5. classe del Liceo Maria Huber, Bolzano
Greta Maurer, Bolzano (Alto Adige), 4. classe Liceo Walther von der Vogelweide, Bolzano
Davide Angeli, Trento (Trentino), 4a classe Liceo Linguistico Sophie Scholl, Trento
Niccoló Fuiano, Trento (Trentino), 4a classe Liceo Linguistico Sophie Scholl, Trento
Giona Vettori, Trento (Trentino), 4a classe ITA San Michele all’Adige
Vanessa Egger, Kaprun (Salisburgo), Medienkolleg Innsbruck
Greta Longariva, Innsbruck (Tirolo), Medienkolleg Innsbruck
Irene Mallaun, See (Tirolo), Medienkolleg Innsbruck

I ragazzi sceglierannola loro opera preferita accompagnati nel percorso da due tutor, Arnold Schnötzinger e Werther Ceccon. Il film vincitore farà poi un tour autunnale nelle tre Regioni dove verrà proiettato in presenza dei ragazzi-giurati e del/lla regista.
***

9.3.2017

Focus Europa: il cinema del Lussemburgo a BFFB 2017Focus Europa: un Paese europeo ospite del festival si conferma anche per il 2017 come punto fermo nel programma e se il 2016 è stato l’anno della Slovenia, quest’anno è quello del Lussenburgo, del quale, durante le cinque giornate di festival, verrà mostrato il meglio della produzione cinematografica recente e raccontata la storia, attraverso gli ospiti presenti a Bolzano.La scelta dei sei film in programma e degli ospiti è stata realizzata in collaborazione con il Film Fund Luxembourg.
Uno dei film lussemburghesiRusty Boys, del regista Andy Bausch, sarà anche il film d’aperturadel festival.

Infatti mercoledì 5 aprile prossimo, l’ultimo lavoro del regista che con il precedente “ Le Club des Chômeurs“ (2001) ha avuto il maggior incasso della storia del cinema del suo paese, inaugurerà le 5 giornate di cinema a Bolzano. Il film è una intelligente commedia che racconta di Fons, Lull, Nuckes und Jängi, quattro arzilli vecchietti che prrrpio non ne vogliono sapere di finire in una casa di riposo. Cosa fare allora? Ma certo:  fondare una comune! Nel suo undicesimo film, il regista lussemburghese  Andy Bausch ci racconta tra gag e risate, il miglior modo di affrontare la vecchiaia.

Secondo film lussemburghese in programma è il documentario Foreign Affairsdi Pasha Rafyi e racconta la vita di Jean Asselborn, il  Ministro degli esteri del piccolo Lussemburgo, che con il suo lavoro quotidiano vuole affermarne la posizione nel mondo. Il regista, originario di Teheran, dopo essere emigrato in Lussemburgo, ora vive e lavora a Vienna. Foreign Affairs è il suo primo lungometraggio.Si ritorna nel Lussemburgo del 1945 con Eng nei Zäit, il terzo film in programma, in cui il regista Christophe Wagner porta sullo schermo la storia di Jules, che torna a casa dopo avere combattuto contro i nazisti con la resistenza francese. In un paese distrutto da quattro anni di guerra, cercherà di riscostruirsi una vita. Quando l’amata verrà trovata morta insieme ai membri della famiglia tedesca per cui lavorava, Jules si improvviserà aiutogendarme per le indagini.

Ci sono anche tre cortometraggi a rappresentare il Lussemburgo al festival di cui uno, Mr Hublot, di Laurent Witz e Alexandre Espigares, nel 2014 ha vintol’Oscar come miglior corto d’animazione. I registi raccontano la vita del signor Hublot, che  vive in un mondo dove i personaggi sono realizzati in parte di parti meccaniche ed è un personaggio introverso, eccentrico e con un disturbo ossessivo-compulsivo. La sua soluzione: non mettere piede fuori dal suo appartamento! L’arrivo del cane robot Pet però trasformerà la sua vita: dovrà condividere la sua casa con un compagno molto invasivo.

Secondo corto in programma, il fanta-horror di Pascal Thiébaux, Gil Pinheiro, Quenottes, 12 minuti di incubo. Può una storiella innocente, raccontata per addolcire la pillola e rendere meno amaro ai più piccini il trauma per la perdita di un amato dentino, diventare improvvisamente un vero e proprio incubo ad occhi aperti? Certo che si e quella narrata in Quenottes ne è la dimostrazione lampante: l’ adorato topolino dei denti diventa protagonista di un sanguinolento fanta-horror.

Ultimo film in programma a Focus Europa 2017: Lussemburgo è Imparfait du Subjectif diDavid Grumbach, 7 minuti di racconto su  Louis, che si trova ad una festa dove non conosce nessuno. Incontrerà Alice, che però ha solo intenzione di sparire dalla festa il più velocemente possibile.

Giovedì 6 aprile, alle ore 11.00, nel foyer del cinema Capitol, sede del festival, si terrà una conferenza stampa di presentazione della cinematografia del Lussemburgo, cui prenderanno parte: Andy Bausch (regista di RUSTY BOYS), Pasha Rafiy (resgista di FOREIGN AFFAIRS), i produttori Paul Thiltges e Claude Waringo, il presidente della Akademie Film Luxembourg e Guy Daleiden, direttore del  Film Fund Luxembourg La stampa e gli interessati sono invitati a prenderne parte.

23.02.2017

FILM e DOCUMENTARI in concorso a BOLZANO FILM FESTIVAL 2017

Di seguito i film e i documentari che saranno in concorso alla 31esima edizione di BFFB prevista dal 5 al 9 aprile 2017 e che saranno proiettati a Bolzano, Merano, Caldaro e Bressanone. Come sempre le opere saranno giudicate rispettivamente da due giurie internazionali ed insieme dal pubblico in sala.

Spicca quest’anno la presenza di registe donnee sono numerose le opere primedi giovani registi/e, mentre per quanto riguarda i temi affrontati, sono numerose le opere – sia nei documentari, che nei lungometraggi – che indagano sui rapporti familiari.

 

 

LUNGOMETRAGGI in concorso

La regista tedesca Sandra Wollner con Das unmögliche Bildaccompagna lo spettatore a casa di una famiglia di Vienna, nell’Austria ipercattolica degli  anni Cinquanta, che si scoprirà nascondere comportamenti segreti e illegali.  Si va dalla città alle Dolomiti con la coproduzione austro-tedesca Die Einsiedlerdel regista Ronny Trockner, in gran parte girata in Alto Adige, che racconta di Albert, unico figlio dei contadini Marianne e Rudl, iperprotetto dalla madre, che per lui nasconderà una morte alla comunità.

Markus Mörth firma un’altra coproduzione austro-tedesca, Geschwister, toccante storia di due giovani fratelli moldavi che decidono di lasciare il loro paese per cercare un futuro migliore.

L’Italia è in concorso con I figli della notte di Andrea De Sica, che ci porta in un collegio per rampolli dell’alta società, dove vengono formati i dirigenti del futuro con metodi duri e rigidi da cui i ragazzi cercano di scappare.

L’Austria si presenta in concorso con il regista tirolese Händl Klaus che con Kater racconta di Andreas  e Stefan, due musicisti che convivono con un gatto in un’elegante villa, in un idillio di colpo spezzato da un clamoroso scatto di follia devastante di uno dei due.

ConLa ragazza del mondo, l’italianoMarco Danieli  racconta del mondo e delle rigide regole dei Testimoni di Geova, attraverso la storia di una ragazzacui viene imposto di non frequentare chi non appartiene alla comunità.

I registi Tizza Covi e Rainer Frimmel  tornano al festival con la coproduzione italo- austriaca Mister Universo, storia diTairo, giovane domatore di leoni infelice che perde il suo talismano e decide di intraprendere un viaggio attraverso l’Italia per ritrovarlo.

Il regista italiano, naturalizzato svizzero Rolando Colla è in concorso 7 giorni, storia d’amore tra Ivan e Chiara che si incontrano su un’isola siciliana alla prese con i preparativi del matrimonio del fratello di lui, con la migliore amica di lei.

DOCUMENTARI in concorso

 

Della tedesca Carolin Genreith è Happy con cui la regista racconta la solitudine del padre dopo la separazione dalla moglie e la difficile ricerca dell’uomo di una nuova compagna, che troverà in Tailandia.

La regista ligure Federica Di Giacomo porta a Bolzano  Liberami, esilarantefilm sul ritorno dell’esorcismo nel mondo di oggi e su come la Chiesa risponda all’emergenza spirituale nominando un numero crescente di preti esorcisti ed organizzando corsi di formazione.

Ancora dalla Germania arriva Peter Handke – Bin im Wald. Kann sein, dass ich mich verspätedi Corinna Belz, sulla vita e l’opera di Peter Handke, scrittore, drammaturgo, saggista, poeta, reporter di viaggio e sceneggiatore austriaco.

Il regista romano Enrico Maria Artale firma Saro, un viaggio alla ricerca di un padre mai conosciuto. Un percorso immaginifico attraverso la Sicilia, tra conversazioni e paesaggi dell’anima.

The good intentionsè il documentario in concorso della giovane regista bresciana Beatrice Segolini che dopo 7 anni passati lontano, torna a casa con la sua film crew per una una missione difficile: rompere il tabù che vige sulla violenza del padre.

Dalla Svizzera arriva Unerhört Jenischdi Karoline Arn, Martina Rieder, che accompagna il musicista Stephan Eicher tra le montagne svizzere alla ricerca delle tradizioni e della musica jenisch, i nomadi che vivono in Svizzera dal Medioevo.

Unten dei registiDordje Čenić e Hermann Peseckas parte da Linz, Austria, a metà degli anni Settanta per raccontare in un viaggio autobiografico le storie dei lavoratori stranieri.

*******

Da sempre crocevia di incontri per i cineasti non solo della Mitteleuropa, BOLZANO FILM FESTIVALBOZEN,  - oltre a riunire e mostrare al pubblico le produzioni provenienti da Italia, Germania, Austria e Svizzera, accompagnate dai registi e/o produttori e/o attori stessi, a presentare nella sezione FOCUS EUROPA 2017 il Lussemburgo, ad offrire formazione professionale ai giovani filmmakers con il progetto  FINAL TOUCH#2- è sempre più un festival di incontri e scambi di opinione sul mondo del cinema.

Per potere realizzare il festival ci impegnamo ogni anno a cercare sostenitori: per questo siamo molto felici di potere annunicare la collaborazione con Alperia,  il nostro nuovo partner e sponsor per il 2017, una società in linea con i nostri principi di promozione di cultura e giovani in un’ottica ecosostenibile.

27.01.2017

Affrettatevi: stanno per scadere i termini per iscriversi a due importanti progetti di BFFB 2017!

Restano ancora poche settimane per iscriversi a due interessanti e costruttivi progetti previsti anche nella prossima edizione del festival (5-9 aprile 2017) e che già nella scorsa edizione hanno riscosso particolare successo.

 Il 10 febbraio 2017scadono i termini per inviare la propria candidatura per entrare nella GIURIA STUDENTI EUREGIO. Invitati a parteciparvi sono studenti/esse del liceo. La giuria sarà composta da 9 studenti di quarta liceo (provenienti da Alto Adige, Trentino e Tirolo) che, accompagnati in un percorso formativo da due tutor durante il festival, sceglierà infine la sua opera preferita, cui assegnerá il PREMIO GIURIA STUDENTI EUREGIO. Il film premiato rientrerà poi nel futuro programma scolastico locale e verrà presentato nelle scuole in presenza del/della regista.

Tutte le informazioni sull’invio delle candidature sono consultabili su: http://filmfestival.bz.it/it/2016/11/18/cercasi-membri-per-la-giuria-studenti-delleuregio/

Il 20 febbraio2017scadono i termini per  i filmmakers per iscriversi a FINAL TOUCH#2: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS, l’offerta settoriale di altissimo livello che ha l’obiettivo di sostenere giovani filmmakers nel perfezionamento dei rispettivi film e documentari per il cinema.

Il progetto, organizzato dalla Film Commision dell’Alto Adige e Bolzano Film Festival Bozen offre ai giovani filmmaker la chance di dare un ultimo tocco al proprio progetto nel corso di un colloquio confidenziale con un team interdisciplinare di esperti e di discutere i parametri individuali per far esordire con successo il proprio film. Gli esperti ad offrire la loro consulenza durante i workshop 2017 sono: Nikolaj Nikitin (settore Filmfestival), Evi Romen (settore montaggio), Catia Rossi (settore distribuzione), Josef Reidinger (settore postproduzione), Gabriele Röthemeyer e Christiana Wertz (settore fondi di finanziamento).

La novità della prossima edizione 2017 è l’assegnazione del FINAL TOUCH ARRI Media post-production prize ad un progetto che ha colpito in modo particolare gli esperti. Il premio include servizi di postproduzione pari a EURO 5.000 presso la ARRI Media (Monaco).

Tutte le informazioni sull’invio delle opere sono consultabili su:http://filmfestival.bz.it/it/2016/12/16/call-for-film-projects/

23.12.2016

Bolzano Film Festival Bozen augura Buon Natale e annuncia le novità 2017 sul festival

Cogliamo l’occasione di augurarVi Buon Natale e un felice 2017, nel quale, dal 5 al 9 aprile, si svolgerà anche la 31esima edizione di Bolzano Film Festival Bozencon una novità della quale siamo particolarmente fieri: il festival ieri ha ottenuto la certificazione going GreenEventdall’Agenzia provinciale per l’ambiente per il 2017.

Ad aggiudicarsi il logo going GreenEventsono manifestazioni la cui programmazione, organizzazione e attuazione vengono effettuate secondo criteri sostenibili. I punti cardine sono l’utilizzo di prodotti ecologici,l’efficienza energetica, la gestione dei rifiuti, la valorizzazione dei prodotti localie la responsabilità sociale.Da sempre il nostro festival si comporta in maniera eco-compatibile ed ora diviene ufficialmente un evento sostenibileche non solo contribuisce a tutelare l’ambiente, ma è un vantaggio in termini di marketing per gli sponsor, i promotori e l’opinione pubblica.

Orgogliosi di questa nuova certificazione, nel frattempo stiamo lavorando alla selezione delle opere per la nuova edizione. Lo scorso 15 dicembre sono scaduti i termini per l’invio opere e ne abbiamo ricevute ben 250, segno che l’interesse a partecipare a Bolzano Film festival Bozen da parte dei filmmakers è in forte crescita. E i documentari, lungometraggi e corti che ci sono stati spediti, sono arrivati da diversi Paesi.

Anche nel 2017, oltre ai 3 concorsi storici, porteremo avanti il quarto concorso che esiste dallo scorso anno: una giuria composta da 9 studenti di quarta liceo (provenienti da Alto Adige, Trentino e Tirolo e accompagnati da due tutor), sceglie la sua opera preferita, cui viene assegnato il PREMIO EUREGIO GIURIA STUDENTI: il film premiato rientra poi nel futuro programma scolastico locale e viene presentato nelle scuole in presenza del/della regista.  Per il 2016, il tour del film premiato dai ragazzi, “DIE SCHWALBE” (la rondine) di Mano Khalil, si è appena concluso con la partecipazione di ben 700 studenti alle proiezioni in sala a Bolzano, Trento e Innsbruck.

Ricordandovi gli altri punti fermi del nostro programma: il bando FINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS, un’offerta formativa per giovani filmmakers che offre sostegno nella messa a punto finale delle loro opere;  FOCUS EUROPA: ogni anno un nuovo Paese europeo ospite del festival;  il PREMIO D’ONOREad un ospite speciale distintosi per il suo lavoro nel mondo del cinema; la nuova collaborazione con il Conservatorio C. Monteverdi di Bolzanonell’ambito del nostro progetto “Bolzano Film Festival Bozen cerca la musica per il suo trailer” indirizzato agli studenti di musica,  vi invitiamo a  consultarle sul NOSTRO SITO: www.filmfestival.bz.it.

Ringraziamo tutti/e voi per la collaborazione e auguriamo

Buone feste e un felice Anno Nuovo

Helene Christanell, Martin Kaufmann, Antonella Arseni, Alma Vallazza

20.11.2016

Parte il tour di proiezioni di

“Die Schwalbe” (la rondine) di Mano Khalil,

il film premiato dalla giuria studenti Euregio a BFFB 2016

L’opera “DIE SCHWALBE” (la rondine) di Mano Khalil, vincitrice della scorsa edizione del festival come miglior film scelto dalla giuria studenti EUREGIO, verrà presentata in sala nell’ambito del progetto CINEMA E SCUOLA e in presenza del regista stesso e dei giurati delle rispettive Regioni:

● martedì 29.11, alle 9.15 e alle 10.30, presso il Filmclub di Bolzano, via Dr. Streiter, 6D;

● mercoledì 30.11, alle 10.00, al cinema Astra di Trento, Corso Michelangelo Buonarroti, 16;

● giovedì 1.12, alle 10.00, al Leo-Kino di Innsbruck, Anich-Straße, 36.

Sinossi:La giovane svizzera Mira si reca in Kurdistan alla ricerca delle sue radici, dopo avere trovato per caso alcune lettere del padre e avere scoperto che era un eroe curdo che, sotto il regime di Sadam Hussein, combatteva per la libertà del suo popolo. Arrivata sul posto per cercare il padre, Mira dovrà confrontarsi con il terrorismo, i crimini di guerra e la sommaria giustizia personale, ma anche con l’amore.

 Note sul regista: Mano Khalilè un regista e sceneggiatore curdo-siriano. Ha studiato storia e legge a Damasco per poi spostarsi nel 1987 a studiare cinema in Repubblica Ceca. Dal 1996 vive in Svizzera, dove lavora come regista e produttore indipendente.

Con il suo ultimo film“DIE SCHWALBE” (la rondine), sta ottenendo numerosi riconoscimenti in tutto il mondo.

Per i giornalisti interessati ad intervistare il regista ed i ragazzi della giuria studenti EUREGIO vi è la possibilità di farlo dopo le suddette proiezioni e/o di prendere parte al q & a in sala. Inoltre, per coloro che fossero interessati ad un’intervista solo con il regista, offriamo la possibilità di fissare un appuntamento per il pomeriggi di martedì 29.11.2016. Preghiamo comunque di comunicare la richiesta a: arseni@filmfestival.bz.itper concordare l’appuntamento.  Allegato alla presente anche lo statement: “Filme mit anderen Augen sehen“ (Guardare i film con occhi diversi) della studentessa-giurata altoatesina Jasmin Angler pubblicato su “Info – Lernwelten” questo novembre 2016. Note sulla giuria studenti EUREGIO:I ragazzi della giuria 2016, tutti studenti liceali provenienti da Alto Adige (David Frötscher, David Lamprecht, Jasmin Angler), Trentino (Davide Polacco, Carlo Brugnara, Jasmine Wang) e Tirolo (Beatrice Fahrngruber, Janick Entremont, Theresa Egger), hanno scelto la loro opera preferita, che accompagnano in sala e presentano nei rispettivi paesi, raccontando la loro esperienza.

Per la prima volta nella sua storia, la passata edizione di Bolzano Film Festival Bozen ha avuto una giuria di studenti. Oltre alle due giurie di esperti internazionali chiamati a premiare documentari e lungometraggi e oltre alla giuria popolare costituita dal pubblico in sala, il festival – che ad aprile 2016 ha festeggiato il suo trentesimo compleanno – si è arricchito della collaborazione di 9 studenti del liceo chiamati a giudicare il migliore tra 5-6 film e documentari scelti apposta per loro dal team del festival. Il loro lavoro è stato accompagnato da due tutor esperti di cinema ed il film premiato è entrato nell’attuale programma scolastico Kino & Schule, che prevede appunto la presentazione in varie scuole in presenza del/della regista in sala, con la moderazione in sala a carico dei ragazzi stessi.

Durante il festival i ragazzi hanno anche preso parte ad un workshop con due referenti esperti in cinema,  Arnold Schnötzinger, critico cinematografico di Ö1 (Radio Österreich 1) e Werther Ceccon, insegnante e membro del gruppo di lavoro KINO & SCHULE, che hanno trasmesso loro i criteri base per la valutazione di  un film, il linguaggio cinematografico, i diversi modi di scrittura di una recensione, i diversi generi cinematografici e come si comunica ine diun film, ovvero  contesto mediale e terminologia appropriata.

Il progetto, fortemente voluto dal team del festival e che gode del prezioso sostegno dell’EUREGIO e delle intendenze scolastiche dei Paesi membri, verrà ripetuto nel 2017 con lo stesso scopo per cui è nato: avvicinare i ragazzi al mondo del cinema, dando loro strumenti di conoscenza dello stesso nell’atmosfera viva e piena di energia ed impulsi di un festival internazionale del cinema (5 – 9 aprile 2017).

Le candidature alla prossima giuria studenti sono aperte! Tutte informazioni su: www.filmfestival.bz.ite presso le rispettive intendenze scolastiche, che hanno già provveduto ad informare le scuole del progetto in corso anche per il 2017.

 Registratevi alla newsletter FESTIVAL!

Riceverete regolarmente per e-mail tutti gli aggiornamenti e le novità sulla prossima edizione del festival, dal programma a tutti i termini di scadenza presentazione opere per i diversi concorsi e, durante la settimana del festival, avrete informazioni in tempo reale su highlights ed eventi speciali in corso. Per registrarsi basta inserire il proprio indirizzo e-mail! http://filmfestival.bz.it/it/newsletter/

22.04.2016

30% di spettatori in più a Bolzano Film Festival Bozen 2016

La 30esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen ha visto un aumento degli spettatori di oltre il 30%, segno che l’interesse per questo festival ed il suo programma collaterale  è in forte e continua crescita.

Gli spettatori, che si sono divisi tra le sale del Filmclub e le nuove, tra l’altro molto apprezzatelocations bolzanine del festival (Museion e Teatro cinema Rainerum)sono stati 5.500, cui si aggiungono gli spettatori di Bressanone, Merano e Caldaro.

Molti degli spettatori erano anche di giovane età, anche in virtù del fatto da quest’anno esiste un nuovo concorso, il quarto del festival, dove una giuria composta da 9 studenti di liceo (provenienti da Alto Adige, Trentino e Tirolo e accompagnati da due tutor), ha assegnato sabato 16 aprile,  il PREMIO EUREGIO GIURIA STUDENTI.In più di un’occasione le diverse sale hanno registrato il tutto esaurito, con una punta di 400 persone al Teatro cinema Rainerum per la serata di chiusura e contemporaneamente al Capitol il tutto esaurito per la cerimonia di premiazione del festival, con Sergio Castellittoin sala a presentare una versione in 35 mm de “L’uomo delle stelle” di Giuseppe Tornatore (1995) e che il giorno precedente era stato premiato con il  PREMIO D’ONOREcome ospite speciale distintosi per il suo lavoro nel mondo del cinema.

Gli appuntamenti organizzati per ospiti, stampa, spettatori e addetti ai lavori durante la settimana del festival, hanno registrato sempre la presenza di molti interessati. Ad esempio i dialoghi con il premio Oscar Jiri Menzelnella corte interna della Galleria Prisma di Bolzano e il dialogo con Sergio Castellitto nel foyer del Teatro stabile di Bolzano, hanno visto un numeroso pubblico attento e desideroso di interagire con i registi.

Con Fräulein della regista marchigiana Caterina Caroneed i protagonisti della commedia, gli attori  Lucia Mascino e Christian De Sicain sala, è stata inaugurata il 13 aprile la 30esima edizione di un festival che si posiziona sempre più al centro d’Europa e che propone una cinematografia di Paesi quali Italia, Austria, Germania, Svizzera, ma non solo.

Con Focus Europa è stata inaugurata quest’anno la tradizione di ospitare ogni anno un paese ospite: il 2016 è stato l’anno della Slovenia che, con una corposa delegazione di rappresentanti tra cui  i registiJan Cvitkovič e Janez Burger, il produttore Miha Černec, il direttore del Festival di PortoroseIgor Prassel, Nerina Kocjančič dello Slovenian Film Centre e la giornalistaTina Lesnicar, ha presentato una ricca scelta di suoi film più rappresentativi.

Altra apprezzata novità nel programma 2016 è stato il bando (organizzato in collaborazione con IDM, ex BLS) FINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS: un’offerta formativa per giovani filmmakers che ha offerto ad alcuni autori selezionati da una giuria di esperti,  sostegno nella messa a punto finale delle loro opere.

12.04.2016

Domani inaugura Bolzano Film Festival Bozen 2016

Con “Fräulein” della regista marchigiana Caterina Carone ed i protagonisti della commedia, gli attori Lucia Mascino e Christian De Sica in sala, si inaugura domani sera alle 19.30 a Bolzano  la  30esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen, ricca di molte novità, tutte consultabili sul NOSTRO NUOVO SITO:www.filmfestival.bz.it.Oltre che sul sito, il programma quotidiano e gli highlights con foto di ogni giorno di festival, saranno consultabili sulla nostra pagina facebook:  https://www.facebook.com/filmfestival.bz/Ricordiamo che, oltre ai 3 concorsi storici, quest’anno esiste un nuovo concorso: una giuria composta da 9 studenti di quarta liceo (provenienti da Alto Adige, Trentino e Tirolo e accompagnati da due tutor), assegnerà sabato 16 aprile, il PREMIO EUREGIO GIURIA STUDENTI.

Altra novità nel programma 2016 è il bando (organizzato in collaborazione con IDM, ex BLS) FINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS: un’offerta formativa per giovani filmmakers che offre sostegno nella messa a punto finale delle loro opere (presentate in rough cut).

La terza novità è FOCUS EUROPA: da ora ogni anno un nuovo Paese europeo sarà ospite del festival e ne verrà mostrato il meglio della produzione cinematografica recente. Il 2016 è l’anno della Slovenia.

08.04.2016

Il programma di BFFB per ragazzi/e e bambini/e

La prossima edizione di Bolzano Film Festival Bozen avrà la sua prima giuria di studenti. Oltre alle due giurie di esperti internazionali chiamati a premiare documentari e lungometraggi e oltre alla giuria popolare costituita dal pubblico in sala, il festival – che ad aprile festeggia il suo trentesimo compleanno – si arricchisce della collaborazione di 9 studenti del liceochiamati a giudicare il migliore tra 5-6 film e documentari scelti apposta per loro dal team del festival.

I film scelti per i ragazzie che il team del festival consiglia ad un pubblico sia giovane che adulto, sono:

Die Schwalbe di Mano Khalil (lungometraggio, Svizzera 2016, 102 Min., originale tedesco / con sottotitoli in italiano ed inglese).
Il film racconta della giovane svizzera Mira, che  si reca in Kurdistan allaricerca delle sue radici, dopo avere trovato per caso alcune lettere del padre e avere scoperto che era un eroe curdo che, sotto il regime di Sadam Hussein, combatteva per la liberta del suo popolo. Arrivata sul posto per cercare il padre, Mira dovra confrontarsicon il terrorismo, i crimini di guerra e la sommaria giustizia personale, ma anche con l’amore.

Als die Sonne vom Himmel fiel diAya Domenig (documentario, Svizzera 2015, 78 Min., originale/ con sottotitoli in inglese).
Sulle tracce del nonno, che nel 1945 lavorava ad Hiroshima come medico della Croce rossa, la regista Aya Domenig incontra un medico ed un’infermiera che hanno vissuto la stessa esperienza del nonno e che le faranno luce su cio che anche lui ha vissuto,ma di cui non ha mai voluto raccontare nulla.L’incidente nucleare disatroso che ha devastato lacentrale di Fukushima l’11 marzo 2011, causato da uno tsunami, fara prendere alla ricerca una piegadiversa
.

L’esercito piu piccolo del mondo di Gianfranco Pannone (documentario, Città del Vaticano / Italia / Svizzera 2015, 80 min., Schweizerdeutsch / con sottotitoli in italiano)
Il documentario entra nel quotidiano di un gruppo di reclute della Guardia Svizzera. Ragazzi comuni, di diversa estrazione sociale e provenienza, che scelgono di fare questa straordinaria e particolare esperienza. Tra questi c’è anche René, studente di teologia in Svizzera, che durante il racconto si interroga sulla propria fede e sul proprio ruolo a difesa del Papa: cosa significa far parte di un variopinto e anacronistico corpo militare ai tempi di una figura “rivoluzionaria” come quella di Papa Francesco?
Show all this to the world di Andrea Deaglio (documentario, Italia 2015, 55 min., italiano/ con sottotitoli in inglese)
Giugno 2015. Frontiera Italia-Francia. Un gruppo di migranti africani, respinto al confine con la Francia, si arrocca tra gli scogli e chiede a gran voce la possibilità di proseguire il proprio viaggio verso i paesi del Nord. Come raccontare l’emergenza? Esiste un cinema d’urgenza? Come mostrare tutto questo al mondo?
Cloro di Lamberto Sanfelice (lungometraggio, Italia 2015, 98 min., italiano / con sottotitoli in inglese)
Jenny ha diciassette anni e sogna di diventare una nuotatrice di nuoto sincronizzato. La sua vita di adolescente a Ostia, sul litorale romano, è sconvolta da un tragico evento e la ragazza è costretta a trasferirsi in un piccolo paese in montagna, con il padre malato e il fratellino di nove anni. Si sistemano in una vecchia baita di montagna accantoa un hotel, dove Jenny inizia a lavorare come cameriera. Non rassegnandosi alla nuova situazione, promette a se stessa e all’amica Flavia che tornerà a Ostia, per riprendere le gare di sincro. La piscina dell’albergo diventa il luogo segreto dei suoi allenamenti
Oltre ai 5 film per i ragazzi , il festival propone quest’anno due film per bambini. Si tratta di:

Konig Laurin di Matthias Lang (lungometraggio, Germania, Italia, austria 2015, 88 Min., tedesco)
La saga altoatesina di Re Laurino (il re mitologico dei ladini) fa parte della tradizione popolare delle Dolomiti e spiega il fenomeno dell’enrosadira, ovvero come mai al tramonto queste montagne si tingano di rosa. La leggenda narra che sul Catinaccio (Rosengarten), dove oggi possiamo notare fino a primavera inoltrata una chiazza di neve, si trovava il giardino delle rose di Re Laurino. Lang ripercorre la storia del re e del suo entourage arricchendola di un personaggio nuovo, Teo, successore al trono.Iqbal. Bambini senza paura di Michel Fuzellier e Babak Payami (animazione, Italia, Francia 2015, 85 min., italiano).
Il film racconta la storia di Iqbal, un ragazzino sveglio e vivace di dieci anni, che vive a Kardù, un piccolo villaggio in qualche parte povera del mondo. Deciso a trovare in qualunque modo i soldi per comprare le medicine per Aziz, il fratello malato, Iqbal scappa per andare al mercato di Mapur. Lì incontra Hakeem, che si offre di comprargli le medicine in cambio, però, che Iqbal lavori nella fabbrica di tappeti. Il film è ispirato alla storia vera di Iqbal Masih, giovane lavoratore e attivista pakistano divenuto icona della lotta allo sfruttamento del lavoro minorile. Iqbal riuscì a portare la sua testimonianza fino all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, prima di essere assassinato a soli 12 anni, nel 1995, a Lahore.Il progetto della giuria studenti, con particolare attenzione alla scelta di film e documentari caratterizzati da contenuti importanti, è stato fortemente voluto dal team del festival e gode del prezioso sostegno dell’EUREGIO e delle intendenze scolastiche dei Paesi membri. Ricordiamo che durante il festival i ragazzi prenderanno parte anche ad un workshop con due referenti esperti in cinema, Arnold Schnötzinger, critico cinematografico di Ö1 (Radio Österreich 1) e Werther Ceccon, insegnante e membro del gruppo di lavoro KINO & SCHULE, che insegneranno loro i criteri base per la valutazione di  un film, il linguaggio cinematografico, i diversi modi di scrittura di una recensione, i diversi generi cinematografici e come si comunica ine diun film, ovvero  contesto mediale e terminologia appropriata.

Tramite questo nuovo importante contenuto del programma del festival, si mira ad avvicinare i ragazzi al mondo del cinema, dando loro strumenti di conoscenza dello stesso nell’atmosfera viva e piena di energia ed impulsi di un festival internazionale del cinema (13-17 aprile 2016).

04.04.2016

Scelti i tre progetti che durante il festival parteciperanno a FINAL TOUCH, la nuova offerta formativa per giovani filmmakers di BFFB

FINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS, l’offerta formativa per giovani filmmakers mirata a sostenere la messa a punto finale delle loro opere (presentate in rough cut), ha i suoi tre progetti partecipanti per il 2016, scelti da una giuria indipendente, composta da membri del team del festival, insieme a rappresentanti di IDM (BLS) e ad alcuni dei coach chiamati a tenere le consulenze.

Hanno passato le selezioni tre progetti di documentari:

38°//NorddiNunzio GringeroQuellmalzdiMike Ramsauer Punisment IslanddiLaura Cini. Durante il festival, nelle giornate di venerdì e sabato, i filmmakers verranno supportati da 5 esperti: Nikolaj Nikitin (esperto di festival), Evi Romen (montaggio), Catia Rossi (distribuzione), Josef Reidinger (postproduzione), Gabriele Röthemeyer (finanziamento alle produzioni) e Christiana Wertz (finanziamento alle produzioni), che analizzeranno i loro lavori e consiglieranno gli autori, operando una consulenza individuale mirata all’ottimizzazione dei singoli progetti.

Ricordiamo che a FINAL TOUCH, promosso in collaborazione con BLS Film Location, potevano candidarsi per il 2016, registi/e provenienti da Italia, Austria, Germania, Svizzera e Slovenia(il paese che quest’anno è ospite al Festival), con un progetto cinematografico in fase finale di lavorazione, per il quale si desiderasse ricevere input contenutistici o artistici, una valutazione del potenziale di mercato, una consulenza sulla promozione, input relativi al finanziamento ovvero consulenza e sostegno in generale.

24.03.2016

Un premio Oscar in arrivo tra poco a BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN

Anche il regista ceco premio Oscar Jiri Menzel sarà ospite al Bolzano Film Festival Bozen, dove sarà presente sia ad un dialogo con il pubblico, che ad accompagnare “Treni strettamente sorvegliati” (Oscar come miglior film straniero nel 1967). Inoltre, sarà presente anche durante gli appuntamenti di Cinema ritrovato, in quanto lavorò anche come attore in alcuni film della DEFA (l’ente cinematografico di Stato della Repubblica democratica tedesca).

Il pubblico e la stampa potrannoincontrare Jiri Menzel venerdì 16 aprile, alle ore 11.00 presso la Galleria Prismadi Via weggenstein a Bolzano, dove il regista sarà ospite di un dialogo moderato dallo storico e critico cinematografico Ralf Schenk, curatore della rassegna Cinema ritrovato.

Giovedì alle ore 15.00, al Club 3, presso la sede del festival, sarà proiettato “Treni strettamente sorvegliati”  con Jiri  Menzel in sala. A fine proiezione è previsto un q & a.

Il film, che nel 1968 fece vincere alla Repubblica Ceca l’Oscar come miglior film straniero, racconta la storia di Milos, giovane vice aiuto-capostazione che, durante la cruenta occupazione tedesca della Cecoslovacchia, deve subire anche le conseguenze di una sconveniente eiaculazione precoce. Messo in contatto da un collega con le bande partigiane, Milos incontrerà una ragazza che fa da staffetta presso la sua stazione e che saprà guarirlo dalla sindrome che lo affligge, ma il giorno successivo sarà l’ultimo della sua vita.

Il romanzo del caustico umorista praghese Bohumil Hrabal – co-sceneggiatore assieme a Menzel – da origine a uno dei film più significativi della “nová vlna” ceca degli anni ’60: uno sguardo tagliente, vitale e antiretorico sugli orrori della guerra.

 Note sul regista:Jiří Menzel(Praga, 23 febbraio 1938) , regista e attore, si diploma nel 1962 alla FAMU, la scuola di cinema che ha contribuito a formare i cineasti della Nová vlna, la “nuova onda”. Ha debuttato nella regia in un film collettivo, Perline sul fondo,considerato il manifesto del nuovo cinema cecoslovacco, adattando una novella del romanziere Bohumil Hrabal con cui lavorerà a diversi altri progetti, tra cui Treni strettamente sorvegliati, premio Oscar al miglior film straniero. Insieme a Hrabal, lavora anche ad Allodole sul filo, la cui lavorazione inizia durante la primavera di Praga, bloccata poi dal regime. Può continuare a lavorare solo nel 1974, dopo aver giurato fedeltà al regime. Collabora con Hrabal in una trilogia di film di ambiente rurale, Ritagli, La festa del bucanevee Il mio piccolo villaggio. Dopo la caduta del Muro, Allodole sul filoviene presentato al festival di Berlino dove vince l’Orso d’oro. Ricordiamo a tutti/e i/le giornalisti/e che è possibile accreditarsi GRATUITAMENTE al festival, solo nel caso in cui si intenda dare spazio alla manifestazione sui propri media. Si prega di inviare la richiesta a: arseni@filmfestival.bz.it

18.03.2016

Una mostra, una sezione di corti e una di Cinema ritrovato e molto altro a BFFB 2016

 Diversi appuntamenti arricchiscono il già cospicuo programma del trentesimo compleanno di Bolzano Film Festival Bozen, che si svolgerà  tra il 13 e il 17 aprile.  Innanzitutto, nel foyer del cinema di Via Streiter, nel cuore di Bolzano, durante tutto il festival  sarà allestita un’esposizione delle 29  locandine storiche originali delle passate edizioni del festival.  Inoltre, un’ interessante mostra fotograficasarà inaugurata il giorno prima dell’inizio del festival. Da martedì 12 aprile, alle ore 19.00, presso la Galleria Fotoforum di via Weggenstein a Bolzano, si potrà passeggiare tra gli scatti  che hanno accompagnato 29 anni di festival. Sabato 16 aprile poi, alle ore 18.00 al Club 3 di Via Streiter,  sarà presentata dal direttore del programma del festival e fondatore dei Bozner Filmtage/Bolzano cinema, Martin Kaufmann,  una rassegna di significativi corti, accompagneranno gli spettatori dentro i 30 anni di storia del festival.  Al termine del programma di corti (95 minuti) si potrà discuterne alla presenza dei/lle  registi/e che hanno contribuito a costruire i primi 30 anni di festival: saranno in sala ad esempio Carmen Tartarotti, Karl Saurer, Evi Romen, Rolf Mandolesi, Kurt Lanthaler e altri,  con la moderazione di chi nel 1987 lo ha inventato, Martin Kaufmann.  I corti che verranno proiettati, e che rappresentano l’evoluzione della tecnica nel cinema dagli anno Ottanta ad oggi, sono:Primo blocco: 35mmLEBEN AM FLUSS, di Bruno Jori, Mario Deghenghi12 MILES TO TRONA, di Wim Wenders Ä RÄCHTI SCHWIIZ, di Karl SaurerSecondo blocco: 16mmKRIBUS KRABUS DOMINE, Carmen Tartarotti   DER GELATI KILLER, Kurt Landthaler Terzo blocco: digital e– DVD ecc.EIN NEAPOLETANISCHER NACHMITTAG,  di Evi Romen                                       NONSENSE, di Rolf Mandolesi                                                                                   STADTSTREICHER, di Rainer Werner Fassbinder                                                    DAS ALTE KINO LATEMAR, di Felix Zbinde e Albert Valentini                              FLASCHEN ZIEHN VORÜBER –  ACHTERNBUSCH MEETS KAURISMÄKI, di Andreas Ströhl                                                       Per quanto concerne l’appuntamento con  il Cinema ritrovato, Ralf Schenk, esperto di cinema e membro della DEFA (l’ente cinematografico di Stato della Repubblica democratica tedesca) porterà anche quest’anno a Bolzano due leggendari film della ex DDR (del regista Heiner Carow), classici restaurati e portati a nuovo splendore come dal 2013 fa anche per i classici italiani la Cineteca di Bologna nell’omonimo progetto. Nella rassegna saranno anche presentati  “Ladri di biciclette“, il film di  Vittorio de Sica Oscar come miglior film straniero nel 1949 e  “Von Caligari zu Hitler“, di Rüdiger Suchsland, lavoro di restauro sulla produzione cinematografica durante la Repubblica di Weimar, oggetto anche di una masterclassche si terrà venerdì 15 aprile alle ore 10.00, presso la scuola ZeLIG, di Via Brennero, 20D a Bolzano, in presenza del regista.
Anche il regista ceco premio Oscar Jiri Menzelsarà presente durante gli appuntamenti di Cinema ritrovato, in quanto lavorò anche come attore in alcuni film della DEFA. Inoltre Menzel sarà l’ospite di un dialogo con il pubblico (Galleria Prisma, Via Wegenstein 12, Bolzano,  venerdì 15 aprile, ore 11.00) e sarà presente in sala alla proiezione di  “Treni strettamente sorvegliati”, con cui nel 1967 vinse l’Oscar come miglior film straniero. Per ulteriori informazioni e/o approfondimenti:  www.filmfestival.bz.itdove da fine marzo sara anche online il programma dettagliato.

08.03.2016

Focus Europa: il cinema sloveno si presenta a BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN 2016

FOCUS EUROPA è un’importante novità di BFFB 2016: da quest’anno – e in ogni edizione futura – un Paese europeo sarà ospite del festival e ne verrà mostrato il meglio della produzione cinematografica recente e raccontata la storia, attraverso diversi ospiti presenti a Bolzano.

Questo è l’anno della Slovenia, che si presenterà con la sua produzione cinematografica ed i suoi addetti ai lavori in un incontro: giovedì 14 aprile 2016, alle ore 11.00, presso la Galleria Prisma di Via Weggenstein, a Bolzano. Saranno presenti i registiJan Cvitkovič e Janez Burger, il produttore Miha Černec, il direttore del Festival di PortoroseIgor Prassel, Nerina Kocjančič dello Slovenian Film Centre e le giornalisteZemira Alajbegovic e Tina Poglajen. Focus Europa: Slovenia è un importante parte del programma del festival 2016 e comprende la proiezione 3 lungometraggi di due importanti registi sloveni, ormai conosciuti a livello internazionale.

Saranno a Bolzano il registaJan Cvitkovič, archeologo, scrittore, attore e regista, che ha ottenuto  vari premi a festival internazionali, tra cui il Leone del futuro a Venezia 2011 con “Kruh in mleko” (Pane e latte, in programma al BFFB 2016 insieme al più recente  “Šiška deluxe”, del 2015) e il registaJanez Burger, di cui verrà proiettato “Idle Running”, lungometraggio del 1999 di un filmmaker, nato a Krany nel 1965 e laureato in economia a Lubliana che, dopo avere  frequentato l’accademia di cinema FAMU a Praga, nel 1998 ha fondato Burgerteater, teatro independente sperimentale e recentemente ha co-fondato la casa di produzione Staragara.

Oltre ai lungometraggi, Focus Europa ospita a Bolzano la proiezione di 3 corti, sempre provenienti dalla Slovenia: “Boles”, diŠpela Čadež, “ Love on the Roof of the world”, del già citato Jan Cvitkovič e “Sprava”di Janez Burger.Focus Europa è un progetto fortemente voluto dal team di Bolzano Film Festival Bozen per portare in Alto Adige il meglio della cinematografia oltre confine, in una specifica rassegna dedicata ogni anno ad un Paese europeo che si distingue nella storia del cinema.

04.03.2016

“Fräulein” inaugura Bolzano Film Festival Bozen 2016

Sarà la commedia Fräulein – una fiaba d’inverno”, della 34 enne regista marchigiana Caterina Caronead inaugurare, mercoledì 13​ aprile prossimo a Bolzano, la 30esima edizione del Bolzano Film Festival Bozen.
Oltre alla regista e sceneggiatrice, ad aprire il festival saranno presenti in sala anche Christian De Sica e Lucia Mascino, protagonisti di questa favola moderna girata in Alto Adigela scorsa estate.
Caterina Carone, che vanta anche una nomination al David di Donatello 2010 come miglior documentarista, dopo avere frequentato la scuola di documentario, televisione e nuovi media ZeLIG di Bolzano, si era fatta notare con l’ironico documentario Valentina Postika in attesa di partire”,vincitore del Premio Solinas-documentario per il cinema 2008 e del Torino Film Festival nella sezione Italiana. Doc 2009. Nel 2011 ha poi preso parte alla prima edizione dello Script Lab RACCONTI della BLS – Business Location Alto Adige (ora confluita nella IDM Alto Adige) il cui obiettivo era quello di sviluppare idee di sceneggiature sul tema “Alto Adige”, che poi idealmente avrebbero potuto trasformarsi in un film girato sul territorio. Per Fräuleinquesto percorso è diventato realtà. L’idea del film è quindi stata sviluppata all’interno di uno Script Lab, poi la regista ha avuto la possibilità di presentare il suo progetto davanti a numerose case di produzione, tra le quali, la casa produttrice Tempesta, che ha deciso di realizzare il suo progetto, girato interamente in Alto Adige, per la maggior parte sull’Altipiano del Renon, la scorsa estate.

Il film è una divertente commedia che racconta di una grande tempesta solare che si abbatte sulla Terra provocando sbalzi di corrente e blackout e di una contemporanea ben più profonda tempesta che si scatena nell’animo di Regina (Mascino), scontrosa e solitaria zitella da tutti chiamata “Fräulein”, dopo che un misterioso turista sui sessanta (De Sica), uomo smarrito e infantile, oltrepassa il cancello del suo albergo chiuso da anni. Così, quello che doveva essere il fugace “scontro” di una notte, si trasformerà ben presto in una tempestosa e sorprendente convivenza.

“Fräulein”esce a Bolzano in prima assoluta mondiale il 13 aprile,con il cast e le maestranze locali che vi hanno lavorato presenti in sala, ad inaugurare il compleanno 2016 di un festival che, oltre ad avere  ospite d’onore Sergio Castellitto, una nuova giuria internazionale di studenti, un workshop per giovani filmmakers e un paese ospite, la Slovenia, quest’anno vedrà le sue proiezioni non solamente a Bolzano (Filmclub, Museion e Rainerum), ma anche a Merano, Caldaro e Bressanone, per un totale di 6 locations.

28.02.2016

Sergio Castellitto l’ospite d’onore di Bolzano Film Festival Bozen

Sarà l’attore e regista Sergio Castellittol’ospite d’onore della prossima 30esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen (13-17 aprile 2016).

All’attore romano, ormai di fama internazionale e già vincitore di quattro Nastri d’Argento, tre David di Donatello(1990, 1993, 2004) e un European Film Award, il festival dedica un omaggio proiettando in aprile a Bolzano una scelta di tre  film della sua lunga carriera: L’uomo delle stelle(1995, regia di Giuseppe Tornatore,) Non ti muovere(2004, regia di Sergio Castellitto) e Nessuno si salva da solo(2015, regia di Sergio Castellitto).

Inoltre, l’attore parteciperà ad un dialogo conFranco Montini(noto critico cinematografico e guida del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani, SNCCI) , che si svolgerà a Bolzano durante la settimana del festival e a cui tutti gli interessati sono invitati a prendere parte.

Vincitore di  più Nastri d’Argento, tra i quali per Il grande cocomerodella Archibugi e L’uomo delle stelledi Tornatore, nonché del  David di Donatello anche per il film Non ti muovere, tratto dall’omonimo romanzo della moglie Margaret Mazzantini (e da lui anche diretto e sceneggiato), Castellitto è uno dei più completi attori del panorama italiano, incisivo sia in ruoli drammatici che nella commedia, come  nella sua performance in Caterina va in città, di Paolo Virzì.  Castellitto ha inoltre recitato ne Le cronache di Narnia: il principe Caspiannel ruolo di Re Miraz, zio e antagonista del giovane Caspian. Il 1 aprile 2013 debuttato su Sky Cinema 1 nella fortunata serieIn Treatmente l’8 agosto 2013 gli è stato attribuito il Pardo d’onore alla carrieradurante la 66ª edizione del Festival del film Locarno.

Castellitto ha accettato con entusiasmo l’invito a Bolzano e ha contribuito con il team del festival alla scelta dei tre film che al meglio rappresentano il suo lavoro di attore e regista e che saranno proiettati durante Bolzano Film Festival Bozen.

21.02.2016

Selezionati i 9 giurati studenti Euregio della prossima edizione di Bolzano Film Festival Bozen

Per la prima volta nella sua storia, la prossima edizione di Bolzano Film Festival Bozen avrà anche una giuria di studenti. Oltre alle due giurie di esperti internazionali chiamati a premiare documentari e lungometraggi e oltre alla giuria popolare costituita dal pubblico in sala, il festival -  che ad aprile festeggia il suo trentesimo compleanno -  si arricchisce della collaborazione di 9 studenti del liceochiamati a giudicare il migliore tra 5-6 film e documentari scelti apposta per loro dal team del festival.

I ragazzi, tutti studenti di quarta liceo provenienti rispettivamente da Alto Adige (David Frötscher, David Lamprecht, Jasmin Angler), Trentino (Davide Polacco, Carlo Brugnara, Jasmine Wang) e Tirolo (Beatrice Fahrngruber, Janick Entremont, Theresa Egger), sceglieranno la loro opera preferita, cui assegneranno il Premio Euregio giuria studenti.

Il loro lavoro sarà accompagnato – durante tutta la durata del festival – da due tutor esperti di cinema. Il film premiato rientrerà poi nel futuro programma scolastico Kino & Schule e sarà presentato in varie scuole in presenza del/della regista in sala, con la moderazione in sala a carico dei ragazzi stessi.

Durante il festival i ragazzi prenderanno parte anche ad un workshop con due referenti esperti in cinema,  Arnold Schnötzinger, critico cinematografico di Ö1 (Radio Österreich 1) e Werther Ceccon, insegnante e membro del gruppo di lavoro KINO & SCHULE, che insegneranno loro i criteri base per la valutazione di  un film, il linguaggio cinematografico, i diversi modi di scrittura di una recensione, i diversi generi cinematografici e come si comunica ine diun film, ovvero  contesto mediale e terminologia appropriata.

Il progetto, fortemente voluto dal team del festival e che gode del prezioso sostegno dell’EUREGIO, mira ad avvicinare i ragazzi al mondo del cinema, dando loro strumenti di conoscenza dello stesso nell’atmosfera viva e piena di energia ed impulsi di un festival internazionale del cinema (13-17 aprile 2016).

10.02.2016

BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN 2016 si fa in 6

Una grande sorpresa è pronta per gli spettatori della prossima edizione del festival: le locations di proiezione aumentano a 6.

Oltre alle storiche 3 sale di Via Streiter, tra il 13 e il 17 aprile prossimo si potranno vedere i film in programma al festival anche al Museione presso la scuola Rainerum in centro a Bolzano,oltre che al cinema di Caldaro e nelle sale delFilmclub di Merano eBressanone.Una scelta voluta per tanti motivi: sia per permettere anche ai vicini di casa di godere del ricco e variegato programma del festival, sia per fare muovere gli ospiti tra le bellezze geografiche dell’Alto Adige, sia per fare rete tra varie istituzioni culturali (rapporti a cui il team di Bolzano Film Festival Bozen tiene molto), sia perché il programma cinematografico 2016 è talmente cresciuto che le tre sale di Via Streiter ormai non riescono più a gestire un numero di quasi 80 proiezioni in 5 giornate di festival.

A breve saranno online orari e date di proiezione dei luoghi citati, intanto di seguito gli indirizzi delle nuove sale partner di Bolzano Film Festival Bozen 2016:

Museion,Piazza Piero Siena, 1, 39100 Bolzano

Istituto Rainerum, Piazza Domenicani, 15, 39100 Bolzano

Filmtreff Kaltern, Via Stazione  3, 39052 Caldaro

Cinema Ariston, galleria Ariston, Via delle corse, 25, 39012 Merano

Forum Bressanone, Via Roma, 9, 39042 Bressanone

I biglietti per i singoli spettacoli si potranno acquistare direttamente davanti alle sale partner prima di entrare al cinema.

04.01.2016

Cogliendo l’occasione di augurarVi Buon 2016, vi segnaliamochela prossima edizione del nostro festival (13 – 17 aprile 2016) promuove in collaborazione con BLS Film LocationFINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS: un’offerta formativa per giovani filmmakersmirata a sostenere la messa a punto finale delle loro opere (presentate in rough cut).

Possono candidarsi registi/e provenienti da Italia, Austria, Germania, Svizzera e Slovenia(il paese che quest’anno è ospite al Festival), con un progetto cinematografico in fase finale di lavorazione, per il quale si desideri ricevere input contenutistici o artistici, una valutazione del potenziale di mercato, una consulenza sulla promozione, input relativi al finanziamento ovvero consulenza e sostegno in generale.

Sono ammessi primi e secondi lungometraggi per il cinemanel settore della fiction e del documentario, con precedenza ai progetti che seguono strade formalmente nuove e originali e che trattano temi di stretta attualità. I progetti cinematografici che rispondono a tali criteri devono essere iscritti al più tardi entro il 25 febbraio 2016e inviati agli organizzatori attraverso un link per la visione. Saranno considerati unicamente i progetti per i quali, a tale data, sarà stata presentata agli organizzatori la documentazione completa.

Una giuria indipendente sceglierà tre dei progetti inviati. L’invito per due persone del team di ciascun film include la partecipazione gratuita al workshopcon consulenza individuale da parte degli esperti, il pernottamento a Bolzano, il rimborso delle spese di viaggio e l’accreditamento al Festival.

La comunicazione circa la partecipazione al programma FINAL TOUCH #1 con informazioni più dettagliate sarà inviata a fine marzo 2016. In ogni caso verà inviata una comunicazione di ammissione o rifiuto.

Il bando di FINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTSè scaricabile su: http://filmfestival.bz.it/it/festival-2016/accredito-film/oppure su http://www.bls.info/it/film-location/final-touch/final-touch-1Le altre news sono consultabili sul NOSTRO NUOVO SITO:www.filmfestival.bz.it.

15.12.2015

Bolzano Film Festival Bozen augura Buon Natale e annuncia le novità sul festival

Con la presente cogliamo l’occasione di augurarVi Buon Natale e felice nuovo anno, nel quale, dal 13 al 17 aprile, si svolgerà anche la 30esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen.
Vi aspettiamo per festeggiare un anniversario durante il quale oltre alla nuova veste e al nuovo nome del festival, saranno presenti le seguenti novità, tutte consultabili sul NOSTRO NUOVO SITO: www.filmfestival.bz.it.
Oltre ai 3 concorsi storici, un nuovo concorso esisterà dal 2016: una giuria composta da 9 studenti di quarta liceo (provenienti da Alto Adige, Trentino e Tirolo e accompagnati da due tutor), sceglierà la sua opera preferita, cui verrà assegnato il PREMIO EUREGIO GIURIA STUDENTI. Il film premiato rientrerà nel futuro programma scolastico locale Kino & Schule e sarà presentato nelle scuole in presenza del/della regista.
La seconda novità nel programma 2016 è il bando FINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS: un’offerta formativa per giovani filmmakers che offre sostegno nella messa a punto finale delle loro opere (presentate in rough cut). Possono partecipare al bando cineasti provenienti da Italia, Austria, Germania e Svizzera e dal Paese ospite del festival per l’anno corrente. L’opera deve essere nella fase finale di montaggio e deve trattarsi di un’opera prima o seconda del/della regista.
La terza novità è FOCUS EUROPA: ogni anno un nuovo Paese europeo sarà ospite del festival e ne verrà mostrato il meglio della produzione cinematografica recente e raccontata la storia, attraverso ospiti in sala. Il 2016 è l’anno della Slovenia
Nel nuovo anno attribuiremo anche un PREMIO D’ONORE ad un ospite speciale distintosi per il suo lavoro nel mondo del cinema.
Buone feste!
Il team di Bolzano Film Festival Bozen